Da Gazzetta D'Alba On-Line del 15/05/2004

Il "Caso Ilaria Alpi" discusso nelle aule del Tribunale di Alba

Tre giornalisti di Famiglia Cristiana a giudizio per un reportage sul traffico di rifiuti tossici.

di Roberto Buffa

Udienze calde quelle che si terranno mercoledì 2 e giovedì 3 luglio dinanzi al Tribunale di Alba, nella causa che vede i giornalisti di Famiglia Cristiana, Barbara Crazzolo, Alberto Chiara, Luciano Scalettari ed il direttore del giornale, Antonio Sciortino, chiamati a difendersi dall'accusa di diffamazione a mezzo stampa nei confronti di Nikolas Bizzio, Giancarlo Marocchino e Luigi Ruzzi.

L'accusa si riferisce allo scottante reportage dal titolo "Gli affari sporchi delle facce pulite", pubblicato dal settimanale nell'ottobre del 2000, nel quale i tre giornalisti citati in giudizio condussero una sconvolgente intervista a Giampiero Sebri, ex portaborse del faccendiere socialsita Luciano Spada.

Nel suo racconto Sebri, che dal 1996 lavora con la Procura antimafia, indicava nei tre le figure chiave di un traffico di rifiuti nocivi, destinati ad essere sparsi in varie parti del mondo (Haiti, Liberia e Somalia in particolare).

I tre, inoltre, secondo la versione di Sebri, anch'egli citato in giudizio e difeso dall'avvocato Emanuele Pittatore di Albra, sarebbero coinvolti nell'omicidio della giornalista della Rai Ilaria Alpi e del suo operatore, avvenuto in Somalia nel 1994.

Di fronte a queste affermazioni è scattata la denuncia: Giancarlo Marocchino e Luigi Ruzzi, difesi dagli avv. Stefano Menicacci di Roma e Patrizio D'Agata di Alba il primo e dal prof. Bruno Leuzzi di Roma il secondo, si sono costituiti parte civile nel processo albese, mentre Nikolas Bizzio ha optato per una azione civile dinanzi al Tribunale di Milano.

I tre verrano sentiti in questi giorni, mentre nelle prossime udienze verranno ascoltati i testimoni citati dagli avvocati Corso Bovio e Stefania Farnetani di Milano e Dario Gramaglia di Alba, difensori del Gruppo Editoriale San Paolo; tra questi, il sostituto procuratore Maurizio Romanelli della Direzione Antimafia di Milano, alcuni appartenenti a "Greenpeace" e l'ex direttore dell'Agenzia delle Nazioni Unite per l'ambiente, Mustafà Tolba.

Pare che abbia chiesto di essere sentito sulla vicenda anche il Presidente della Repubblica Somala.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Cronoca Nera
Il nuovo numero de L'EUROPEO con un articolo sul caso Alpi
Dalla morte di Enrico Mattei all'omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin
di AA.VV. su mondoacolori.org del 31/07/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0