Da L'Unità del 17/02/2005

Editoriale

Sinistra siete sempre gli stessi

di Toni Jop

Ma quale analisi storica, è tutto molto chiaro: il killer degli anni di piombo ha un nome, la sinistra; la vittima ha un nome, la destra, nelle vesti del Movimento Sociale. Certo, per entrare in questa incontestabile verità morale e fattuale bisogna abbassarsi quanto serve per sbirciare su quel tempo dal buco della serratura di Porta a Porta: da questa inelegante posizione si capisce da che parte grondò il sangue e chi premette il grilletto, nonché il ruolo della trasmissione di Bruno Vespa nel grande progetto di riscrittura della storia che Berlusconi ha affidato ai suoi uomini. La puntata dell’altra sera, sulla linea di questo mandato, è stata esemplare nella sua sovietica capacità di frullare le informazioni deformandole e di spiaccicarle su una tela senza profondità, come se la storia fosse una pressata firmata da Rauschenberg.
Il pretesto, nella terribile vicenda di Primavalle, era il signor Lollo, una vergogna d’uomo di una crudeltà senza appelli. Ma l’obiettivo era la scenografia su cui appuntare la sagoma di questo ex squadrista di Potere Operaio e sulla quale spalmare in modo incolore le figure di Cesare Salvi e di Marco Boato che, benché sostenessero entrambi cose sensate, sono stati resi inoffensivi dalla potenza dell’omogeneizzato televisivo dominato da servizi filmati, e innervato da interviste e dichiarazioni di ministri e governatori di Alleanza Nazionale presentati come agnelli sacrificali di un linciaggio fisico e morale che si limita a chiedere giustizia. L’insaccato di prima serata ha sintetizzato alcune verità di comodo e alcuni palesi falsi storici che uno storico potrebbe facilmente smontare. Ma noi che storici non siamo ci limitiamo a segnalare gli scenari più improbabili e velenosi che la trasmissione ha tratteggiato.
In primo luogo: tutto il sangue versato in quegli anni è stato attribuito agli esiti di una sorta di guerra civile combattuta, secondo Porta a Porta, dai violenti di sinistra e di destra. Ma quelli di destra sono svaporati con il loro male, lasciando magicamente il posto a una collezione di ministri, senatori, deputati in giacca, cravatta e patentino di classe dirigente. Quelli di sinistra, invece, continuano ad aggirarsi, torvi e pericolosi, chi nei giornali, chi nelle istituzioni, chi nella parte detta «radicale» dell’opposizione. E, per brevità, vengono indicati semplicemente come «gli stessi» - quelli che portano «miseria, violenza e morte», che si riconoscono per la loro avversità a Berlusconi - il che li rende sospetti di terrorismo. Anche adesso, in qualunque momento, uno di loro, per esempio, può lanciare un cavalletto, ricordate? Un fascista (pardon, post fascista) una cosa così non la farebbe mai. Non a Berlusconi.
E poi: nel conto delle vittime di questa «guerra fratricida», sono stati infilati di soppiatto anche i morti dell’Italicus, di Peteano, di Piazza Fontana, di Piazza della Loggia, di Ustica, di Bologna, tutte vicende rispetto alle quali organi dello stato lavorarono attivamente per depistare le indagini della magistratura.
Ancora: nessun riferimento al fatto, provato, che personaggi legati all’estrema destra siano stati più che pericolosamente coinvolti nelle indagini su quelle stragi di Stato e sui depistaggi che hanno spesso tentato di dirottare le indagini su infondate piste «di sinistra».
Ma di sinistra, secondo Porta a Porta, sarebbero le coperture che a vario titolo avrebbero dato aiuto ai violenti di Potop e non solo a quelli. Nessun riferimento alla convinta determinazione con cui il Pci (ma anche la Cgil, la Cisl e la Uil) non solo condannò e isolò il nascente fenomeno terroristico degli anni di piombo come vero nemico della classe operaia e dei lavoratori ma anche alla lealtà istituzionale con cui lo stesso Pci, nei luoghi della rappresentanza e nelle piazze, consegnò allo Stato quella forza senza la quale non si sarebbe evitato il gorgo eversivo. Nessun riferimento a Guido Rossa, l’operaio comunista assassinato per aver denunciato il terrorismo.
Porta a Porta ha provveduto a saldare l’analogia: sinistra=terrorismo=violenza, e siccome nei bilanci delle croci degli anni di piombo messi a punto da Vespa il numero più consistente di vittime viene attribuito ai killer «rossi», ecco che la sinistra diventa il soggetto omicida, in varie forme, del tempo più buio della prima repubblica.
E la destra? Anche la destra estrema ha le sue colpe, suggerisce Vespa e ricorda con un filmato l’assassinio dello studente Valerio Verbano da parte dei killer neofascisti. Ma evidentemente gli pare di aver esagerato nell’accentazione della storia, perché il caso Verbano - nessun responsabile rintracciato - viene diluito in una catena di dichiarazioni e di ricordi firmati da Gasparri, da Storace e da Alemanno (la nuova, rispettabile classe dirigente) in cui sembra che la sofferenza prodotta dalla violenza di quegli anni e di quelle tensioni sia cosa che riguarda solo i militanti del Movimento Sociale. È la destra che le ha prese: il telegramma tv dice questo. Nessun riferimento ai pestaggi quotidiani, alla caccia furibonda, alle intimidazioni sistematiche operati da quella parte politica e dai suoi leader, nessun riferimento al contributo attivo, decisivo, offerto da quel fronte nel delineare il cielo grigio degli anni di piombo.
Infine, il monito: sia fatta giustizia, sia tolto ogni sigillo alla verità sulle stragi. Ma la sinistra (sentite il suono cupo di questo nome della cupa fazione politica che non sta al gioco della nuova classe dirigente) non lo stava chiedendo da trent’anni? Questo, Vespa non lo dirà mai.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Parla uno dei tre attentatori, ex di Potop, fuggito in Nicaragua. Un nastro registrato e sottoscritto riapre il caso giudiziario del '73
"Primavalle, strage firmata Br". Grillo: eravamo brigatisti in prova
di Marco Ansaldo su Corriere della Sera del 19/10/2006
Il documento con le registrazioni di Grillo: "Dopo Primavalle
"A capo dell'organizzazione un uomo potente, mai scoperto"
Di seguito alcuni brani delle dichiarazioni registrate di Manlio Grillo e della sua "intervistatrice":
di AA.VV. su Corriere della Sera del 19/10/2006

News in archivio

Rogo di Primavalle Lollo sarà interrogato
Il Tribunal de justicia superior brasiliano ha dato via libera alla richiesta di rogatoria internazionale della Procura di Roma
su La Repubblica del 13/09/2005
Primavalle, Fragalà: ''Rogatorie in Brasile e Nicaragua per Lollo e Grillo''
Spunta anche un mancato attentato di 'Potere Operaio' a Sulmona
su Adnkronos del 22/05/2005
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0