Da La Repubblica del 07/03/2005

E' stato ricostruito con le indicazioni del pentito Giuffrè. Sul volto i segni della stanchezza e della malattia

Provenzano non è più un fantasma

Dalla procura un nuovo identikit

di Salvo Palazzolo

Articolo presente nelle categorie:
Storia del crimine organizzato in Italia1. Mafia
PALERMO - Bernardo Provenzano non è più un fantasma. Ha le sembianze dell'identikit preparato dagli esperti della polizia sulla base delle indicazioni fornite dell'ultima persona che lo ha incontrato, il pentito Antonino Giuffrè.

Eccolo l'imprendibile capo di Cosa nostra siciliana: il volto scavato da 42 anni di latitanza e potere, lo sguardo imperturbabile di chi decise l'inferno delle stragi Falcone e Borsellino e poi all'improvviso decretò la fine della guerra allo stato, non sappiamo ancora perché. Agli esperti della Scientifica, Giuffrè ha indicato anche i segni della stanchezza e della malattia nel volto asciutto di quell'uomo che il 31 gennaio ha compiuto 72 anni: per ben due volte, negli ultimi quattro anni, il padrino di Corleone ha dovuto sottoporsi a un'operazione di prostata, l'ultima volta a Marsiglia. "Ma poi, dopo una dieta appropriata, è tornato ferrigno come sempre", ha precisato ai magistrati il boss di Caccamo che un tempo stava al suo fianco e oggi è un collaboratore di giustizia.

L'identikit della primula rossa di Cosa nostra è stato reso noto nel corso di una conferenza stampa alla questura di Palermo dal procuratore Pietro Grasso, dal prefetto Nicola Cavaliere, capo del Dipartimento anticrimine centrale della polizia e dal questore del capoluogo siciliano Giuseppe Caruso.

La foto è una elaborazione al computer: fu tracciata nell'estate del 2002, subito dopo il pentimento di Giuffrè, e da allora è stata la bussola per gli investigatori che sono impegnati nella ricerca del superlatitante. L'identikit rassegna ancora il piglio del padrino, lo stesso che 47 anni fa restò impresso nella prima e unica foto segnaletica di Bernardo Provenzano, scattata nella caserma dei carabinieri di Corleone: era il 17 settembre 1958, quel giovane di 25 anni aveva rubato sette quintali di formaggio insieme ad altri complici poi diventati tristemente famosi anche loro. In carcere rimasero pochi giorni; poi, il 2 ottobre, a casa di Provenzano arrivò una diffida della Questura di Palermo, "per le sue frequentazioni pericolose". Il 9 maggio 1963 seguì una convocazione nella caserma dei carabinieri di Corleone, "per nuovi accertamenti", ma quella volta non si presentò nessuno. Il 18 settembre, dopo la strage in cui morirono tre mafiosi del clan perdente di Corleone, Provenzano era già ufficialmente latitante.

L'identikit presentato dal procuratore Grasso è quello mostrato nei giorni scorsi a medici e infermieri di Marsiglia che hanno avuto in cura il boss, a luglio e a ottobre 2003: quella volta, il capo di Cosa nostra si finse un anonimo pensionato della provincia di Palermo. "Corporatura robusta, occhi castano chiaro, capelli castano scuri - così ha spiegato Giuffrè - cercate una cicatrice al collo". Ma qualche anno fa, arrivò una soffiata agli investigatori: "Provenzano ha fatto ricorso a un chirurgo plastico". Il mistero continua.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

XIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie
Oltre centomila da tutta Italia per ricordare e rinnovare l'impegno
di AA.VV. su Libera del 23/03/2008
Una partita ancora aperta
Articolo di Giuseppe D'Avanzo sul Corriere della Sera del 06/11/2007
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 06/11/2007

News in archivio

Blitz della polizia in una villetta vicino Palermo. In manette anche Sandro Lo Piccolo. Erano in una riunione con altri quattro boss. "Dopo Provenzano è capo di Cosa Nostra"
Mafia, arrestato Salvatore Lo Piccolo. Un nuovo pentito decisivo per le indagini
Francesco Franzese ex uomo di fiducia del padrino. Il figlio urla: "Ti amo papà". Era latitante dal 1983. Prodi: "Un successo dello Stato e di tutti i cittadini onesti"
su La Repubblica del 05/11/2007
Gli sconcertanti dati della Confesercenti sugli affari criminali. "La 'Mafia 'Spa è l'industria italiana che risulta più produttiva"
"La mafia? E' la prima azienda italiana". Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno
su La Repubblica del 21/10/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0