Da La Repubblica del 04/05/2005

L'intervista

L´ex procuratore di Milano: tanti anni di indagini fra ogni tipo di ostacoli

L´emozione di D´Ambrosio: "Ma l´eccidio fu di Stato"

di Ferruccio Sansa

MILANO - «Com´è andata?». Gerardo D´Ambrosio mantiene il controllo, ma la voce tradisce l´emozione. Del resto l´ex procuratore capo di Milano ha dedicato anni a cercare la verità su piazza Fontana.
Li hanno assolti, dottor D´Ambrosio.
«Era prevedibile. In fondo i giudici questa volta non erano chiamati a pronunciarsi sul merito, ma dovevano solo verificare che non ci fossero difetti di motivazione nell´appello».
Ma lei se lo aspettava?
«In questa vicenda c´è sempre stata la volontà di non arrivare fino in fondo. Quando eravamo a un passo dalla verità ci hanno eccepito il segreto politico e militare. Abbiamo incontrato ostacoli di ogni tipo. Anche la Cassazione».
Quest´ultima decisione?
«No, parlo di molte scelte passate. La Cassazione ha avuto un ruolo molto pesante in questa vicenda. Nel 1974 con due ordinanze fermò il processo. Anche quando Giannettini, agente del Sid, si costituì e decise di parlare con noi: in tutta fretta ci fu tolto il processo».
Ma ci sono altre ombre su questa inchiesta infinita. Quali?
«La polizia ha fatto decine di errori. E tutti a favore dei neofascisti. Il 12 dicembre prese l´assurda decisione di far saltare l´unica bomba rimasta inesplosa, distruggendo così tutte le prove. Poi ci fu l´arresto abusivo degli anarchici Valpreda e Pinelli. Loro non c´entravano con la strage».
Ormai la vicenda giudiziaria è finita: tutti assolti. Nessuna verità.
«Questo non è vero. La verità storica è stata accertata. Sul finire degli anni 60 alcuni settori dello Stato - servizi segreti (Sid), vertici militari e alcuni uomini politici - pianificarono l´uso di terroristi di estrema destra per frenare l´avanzata della sinistra. Si volevano spaventare i moderati. Ecco, tutto questo è stato accertato, anche nei processi di Catanzaro e Bari».
Trentasei anni, ma alla fine nessuno condannato. Nemmeno i neofascisti.
«Ma le nostre prove spinsero Ventura a confessare le bombe sui treni. E Freda ha scontato una condanna definitiva per gli attentati che hanno preparato il 1969».
Nessuna condanna, non si sente un po´ sfiduciato?
«Questo è un altro dei misteri d´Italia. Ma dopo 45 anni di magistratura niente più mi sorprende. E comunque no, io non perdo fiducia nella giustizia».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
INCHIESTE Carlo Lucarelli ricostruisce la carneficina di Milano e svela alcuni retroscena
La vittima preventiva di piazza Fontana
Tre mesi prima della strage un ex carabiniere morì in modo sospetto
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 11/03/2007
Strage di piazza Fontana, l'ex magistrato che scrisse la sentenza sulla morte dell'anarchico e la proposta di «Liberazione»
«Un francobollo in ricordo di Pinelli? Sì, ma non si uccida ancora Calabresi»
Il senatore D'Ambrosio: da pazzi ripetere la tesi dell'omicidio
di Dino Martirano su Corriere della Sera del 18/12/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0