Da Il Giornale di Brescia del 22/11/2000

L’11 dicembre il «pentito» Carlo Digilio verrà interrogato sulla strage di piazza Loggia

«Zio Otto» davanti al giudice Le rivelazioni dell’ex agente Cia sono uno dei cardini dell’inchiesta

di AA.VV.

Verrà interrogato l’11 dicembre, davanti al Gip Francesca Morelli, e le sue dichiarazioni avranno il valore di una prova nell’eventuale processo che ci si augura scaturisca prima o poi dall’inchiesta dei pm Di Martino e Piantoni sulla strage di piazza Loggia. E le dichiarazioni di Carlo Digilio, ex agente della CIA infiltrato in Ordine Nuovo e ora collaboratore di giustizia, contano parecchio. Sul racconto di «zio Otto» (questo era il suo nome in codice) si basano in buona parte le ultime inchieste sul terrorismo nero, sulle stragi di piazza Fontana e della Questura di Milano e di piazza Loggia. Digilio, che oggi ha 62 anni, è anche molto malato e così i pm Roberto Di Martino e Francesco Piantoni hanno chiesto e ottenuto di interrogarlo subito, con la formula dell’incidente probatorio, cioè come se la sua deposizione si svolgesse davanti ai giudici del processo. All’incidente probatorio saranno presenti e potranno controinterrogare il «collaboratore», i difensori delle persone finite nel registro degli indagati con l’accusa di concorso in strage, anche per le rivelazioni di Digilio. E questi indagati, «interessati» alla deposizione del «pentito» sono in tutto nove: gli imputati ormai «storici» Delfo Zorzi e Carlo Maria Maggi; il generale dei carabinieri Francesco Delfino; l’ex parlamentare del MSI ed ex capo di Ordine Nuovo Pino Rauti; l’ex informatore dei servizi segreti Maurizio Tramonte sulle cui ammissioni i pm bresciani contano molto; il francese Yves Guerin Serac, alias Yves Felix Marie Guillou, cattolico integralista votato alla lotta anticomunista, direttore dell’agenzia Aginter Presse, copertura di un centro spionistico legato alla CIA; l’ex guardia del corpo del ministro Taviani Giovanni Maifredi già coinvolto nell’inchiesta sul MAR di Carlo Fumagalli; il colonnello dei carabinieri Angelo Pignatelli processato e assolto in primo grado dall’accusa di depistaggio nell’inchiesta a strage di Peteano e infine il padovano Arturo Francesconi Sartori. É quasi certo che nessuno dei nove indagati sarà presente all’incidente probatorio che, calcolano l’interrogatorio dei pm e i controinterrogatori dei difensori, potrebbe durare più giorni. Anche lo stesso «zio Otto», quasi certamente, non verrà portato a Brescia per l’incidente probatorio. Per motivi di sicurezza e anche per lo stato di salute è certo che Carlo Digilio riponderà alle domande attraverso un collegamento in teleconferenza dal luogo dove vive sotto protezione. Carlo Digilio, che ha già avuto un ruolo fondamentale nell’inchiesta sulla strage di piazza Fontana, ha detto molte cose anche dell’attentato che il 28 maggio del ’74, in piazza Loggia, provocò 8 morti e un centinaio di feriti. Oltre ad aver raccontato di aver visto l’ordigno usato a Brescia, da quanto si è potuto sapere fino ad ora dell’inchiesta, Digilio ha parlato dell’organizzazione di Ordine Nuovo, dei contatti con la CIA e delle decisioni strategiche che portarono ad alcuni dei più gravi attentati terroristici dal ’69 al ’74. (a. pell.)

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
INCHIESTE Carlo Lucarelli ricostruisce la carneficina di Milano e svela alcuni retroscena
La vittima preventiva di piazza Fontana
Tre mesi prima della strage un ex carabiniere morì in modo sospetto
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 11/03/2007
Strage di piazza Fontana, l'ex magistrato che scrisse la sentenza sulla morte dell'anarchico e la proposta di «Liberazione»
«Un francobollo in ricordo di Pinelli? Sì, ma non si uccida ancora Calabresi»
Il senatore D'Ambrosio: da pazzi ripetere la tesi dell'omicidio
di Dino Martirano su Corriere della Sera del 18/12/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0