Da Il mondo del 12/02/1999

Echelon esiste, scusate il ritardo

di Claudio Gatti

La fantasia cinematografica ha sempre molto piu' appeal della realta' . Lo ha dimostrato anche il caso di Echelon, la rete di controllo e intercettazione delle telecomunicazioni internazionali creata e gestita dagli Stati Uniti in collaborazione con altri quattro Paesi anglofoni: Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda. C' e' voluto un film perche' fosse raccolto l' allarme lanciato in Italia (e in Francia) dalle inchieste e dalle interviste che il Mondo ha cominciato a pubblicare a partire dal marzo scorso, riprese in prima pagina da giornali quali Liberation e Guardian. Prima dell' uscita di Nemico Pubblico, a parte qualche rara eccezione, i rappresentanti dello stato e i garanti di liberta' democratiche e diritti civili nelle istituzioni (primo fra tutti il garante della privacy, Stefano Rodota' ) non avevano dato troppo peso al problema. Come se si fosse parlato di Ufo, di qualcosa che puo' forse anche esistere ma su cui non vale la pena investire tempo ed energia per indagare. Il 24 aprile scorso, Romano Prodi, allora primo ministro, aveva dichiarato in Parlamento che di Echelon non ne sapeva nulla, aggiungendo che comunque a lui l' esistenza di un sistema capace di intercettare le telecomunicazioni planetarie sembrava poco credibile. Era evidentemente quello che gli avevano detto gli addetti ai lavori a cui si era rivolto dopo aver ricevuto la richiesta di rispondere a una interrogazione urgente del popolare Romano Carratelli. In una successiva intervista a il Mondo, la commissaria europea Emma Bonino aveva assunto una posizione molto piu' possibilista. "Non sono un ingegnere di telecomunicazioni", aveva detto, "ma sulla base dell' attuale sviluppo tecnologico non mi pare del tutto irrealizzabile". La commissaria aveva inoltre aggiunto che, nel caso l' esistenza di Echelon fosse stata confermata, sarebbe stata "una cosa sbalorditiva e preoccupante" perche' avrebbe costituito una minaccia alla privacy, alla sicurezza e alla libera concorrenza. Bonino aveva anche rivelato che la Commissione europea si era rivolta al governo della Gran Bretagna chiedendo una conferma o una smentita ufficiale sull' eventuale partecipazione di quel Paese al sistema Echelon e che Londra aveva risposto con il silenzio piu' assoluto. Sarebbe stato logico indignarsi e lanciare una campagna di protesta contro l' atteggiamento britannico. Invece anche la denuncia di Emma Bonino e' passata inosservata. Echelon e' rimasta una parola per addetti ai lavori. O per i fanatici della spy story. Poi e' arrivato il debutto sugli schermi di Nemico Pubblico. Ed ecco allora che rischi e pericoli di quel grande fratello elettronico di nome Echelon sono stati colti da tutti. Ecco che si sono poste le domande che prima nessuno aveva sentito il bisogno di porsi: chi ci controlla ? Che cosa si intercetta ? Che uso si fa delle comunicazioni intercettate ? Echelon ha finalmente colpito l' immaginario del Paese e dei rappresentanti delle istituzioni. Per chi da mesi si adopera a che si faccia chiarezza sulla questione, questo sviluppo non puo' naturalmente non fare piacere. Forse ora i cittadini italiani ed europei potranno avere le risposte che per mesi ne' il Mondo ne' la Commissione europea sono riusciti a ottenere. Grazie a Hollywood.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Le rivelazioni della stampa Usa mettono in difficoltà il presidente. Nel 2003 le banche centrali di alcuni Paesi furono già messe al corrente
La Cia spia i conti bancari in tutto il mondo
Nuovo scandalo sulla sorveglianza totale. La Casa Bianca: «Così fermiamo i terroristi»
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 24/06/2006
Nasce un sito italiano per contrastare il Trusted Platform Module la nuova tecnologia per rendere più sicuri ma anche 'chiusi' i PC
In arrivo "l'informatica affidabile" ma per qualcuno è una minaccia
"Combattiamo per essere liberi scegliere il programma da usare"
di Francesco Caccavella su La Repubblica del 20/09/2005
Sempre più spesso la magistratura ricorre ad agenzie private. Ecco il racconto di uno dei veterani del settore
"In auto, al bar, al computer così scopriamo i vostri segreti"
di AA.VV. su La Repubblica del 17/09/2005

News in archivio

I messaggi, intercettati nel '42 dai nazisti che li avevano codificati con la celebre macchina, erano gli ultimi a resistere
Quei tre ultimi dispacci di Enigma un esercito di computer decifrarli
Grazie ad una enorme rete di pc svelato il primo. E ora gli altri
su La Repubblica del 28/02/2006
Bush costruirà una superbase a Taranto
Accordo di Cheney con il governo: 500 milioni di investimenti
su Il mondo del 13/02/2004
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0