Da Diario del 20/09/2005

(1908 - 2005)

E' morto Simon Wiesenthal

di AA.VV.

E’ morto oggi, a Vienna, “il grande cacciatore di nazisti” Simon Wiesenthal. Aveva 96 anni. Dopo esser sopravvissuto allo sterminio nazista (era in fin di vita quando gli americani liberarono Mauthausen il 5 maggio 1945), Wiesenthal non tornò alla sua vita di architetto cercando di lasciarsi la tragedia alle spalle. Decise invece di ricordare e di non far dimenticare.

"Quando la storia guarda indietro voglio che la gente sappia che i nazisti non sono stati capaci di uccidere milioni di persone facendola franca", rispondeva a chi chiedeva spiegazioni sul suo impegno di vita.

Nel corso degli anni consegnò alla giustizia oltre 1.100 criminali di guerra. "Quell’incarico non gli fu conferito da alcun capo di Stato o primo ministro. Prese semplicemente il lavoro; un lavoro che nessuno voleva. Il compito era opprimente. La causa aveva pochi amici. Gli alleati erano già focalizzati sulla Guerra fredda, i sopravvissuti erano intenti a ricostruire vite frantumate e Simon Wiesenthal era da solo, impegnato allo stesso tempo nel ruolo di pubblica accusa e di detective", ha dichiarato il rabbino Marvin Hier, direttore e fondatore del Simon Wiesenthal Center.

Capi di Stato e rappresensanti della comunità internazionale lo hanno ricordato con stima e ammirazione. "In futuro la sua voce ci mancherà", ha dichiarato l'ex cancelliere tedesco Helmut Kohl, mentre il presidente francese Jaques Chirac lo ha descritto come "un instancabile sostenitore dei diritti e della pace". Kofi Annan, segretario generale delle Nazioni Unite, ha invece sottolineato l'importanza del suo operato in quanto "invia a tutto il mondo il messaggio secondo cui non deve esistere l'impunità nei confronti di genocidi e crimini contro l'umanità".

Alla fine della guerra, Wiesenthal iniziò a raccogliere e organizzare le prove riguardanti le atrocità naziste per conto della sezione Crimini di guerra dell’esercito americano; dati che servirono in seguito nei processi. Quando nel 1947 il suo lavoro con gli Stati Uniti si concluse, Wiesenthal e altri volontari aprirono il Centro di documentazione storica ebraica di Linz (Austria) con lo scopo di continuare a raccogliere materiale per processi futuri.

Nel 1953 Wiesenthal ricevette informazione che Eichmann, il capo della Sezione ebraica della Gestapo che con altri ufficiali nazisti organizzò la Soluzione finale, viveva in Argentina con il nome di Ricardo Klement. Wiesenthal informò Israele dei dati in suo possesso e nel 1960 anni Eichmann fu catturato dal Mossad. Un anno dopo venne processato per genocidio e poi impiccato il 31 maggio 1962.

Incoraggiato da questo episodio Wiesenthal riaprì il Centro di documentazione ebraica che nel frattempo era stato chiuso. Uno dei risultati più importanti fu ritrovare Karl Silberbauer, il capo della Gestapo che arrestò Anna Frank. "I propagandisti neo-nazisti olandesi", si legge nella biografia di Wiesenthal, "erano quasi riusciti nell’intento di screditare l’autenticità del famoso diario di Anna Frank quando Wiesenthal localizzò Silberbauer, che, durante un interrogatorio, confessò l’arresto".

Nonostante il lavoro svolto, ne rimaneva ancora molto da fare. Nei file sui criminali nazisti sono contenuti oltre 90 mila nomi. Tra i compiti più difficili che Wiesenthal si trovò ad affrontare c’era, però, quello di far capire alle autorità e alla gente cosa fosse stato l’Olocausto. Nel paragrafo finale delle sue memorie Wiesenthal ha riportato le parole che un soldato delle SS gli disse nel 1944: "Tu racconterai la verità (circa i campi di concentramento) agli americani. Questo è vero. E sai cosa succederà, Wiesenthal? Loro non ti crederanno. Diranno che sei matto e ti rinchiuderanno. Nessuno potrà credere a questa terrible vicenda, a meno che non l’abbia vissuta".

Restano poco chiari i motivi che lo spinsero a prendere le parti di Kurt Waldheim, ex-segretario generale dell’Onu. Nel 1986, Waldheim, in procinto di diventare presidente della repubblica austriaca, fu travolto da pesanti accuse relative al suo passato nazista. Il World Jewish Center gli imputò persino alcuni crimini di guerra. Wiesenthal, invece, difese Waldheim dalle accuse, facilitando, secondo alcuni, la sua ascesa al potere.

"Ironicamente fu il furore circa Kurt Waldheim, che divenne presidente nel 1986 nonostante avesse mentito sul suo passato di ufficiale dell'esercito di Hitler, che diede a Wiesenthal la fama in Austria", scrive oggi il quotidiano israeliano Haaretz. "Il non aver condannato Waldheim come criminale di guerra attirò l'ira internazionale contro i gruppi di ebrei americani. Ma fece realizzare all'Austria che i cacciatori di nazisti non condannavano chiunque avesse preso parte alla guerra nazista".

Wiesenthal chiese, però, più volte le dimissioni di Waldheim per essersi dimostrato "indegno del suo ufficio e delle sue responsabilità". Waldheim rappresentava, secondo lui, il simbolo di coloro che volevano tenere segreto il ruolo dell'Austria nella guerra di Hitler. "Ma non è venuta alla luce nessuna prova che Waldheim fosse un complice dei crimini di guerra", conclude Haaretz in difesa di Wiesenthal.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Svelati i trucchi dell´intelligence tedesca nell´ultima guerra. Una baronessa polacca informava Berlino
Il codice nell´orlo delle gonne così i nazisti spiavano Londra
Modelli da sartoria e una giovane lady tra le armi segrete di Hitler
di Enrico Franceschini su La Repubblica del 05/09/2006

News in archivio

Olocausto
Addio alla nomade torturata da Mengele
Lo scienziato nazista le iniettò la malaria
su mondoacolori.org del 02/09/2006
I messaggi, intercettati nel '42 dai nazisti che li avevano codificati con la celebre macchina, erano gli ultimi a resistere
Quei tre ultimi dispacci di Enigma un esercito di computer decifrarli
Grazie ad una enorme rete di pc svelato il primo. E ora gli altri
su La Repubblica del 28/02/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0