Da La Repubblica del 19/03/2002
Originale su http://www.repubblica.it/online/politica/marcobiagi/dantona/dantona.html

La scheda

Quasi tre anni fa l'omicidio D'Antona

di AA.VV.

ROMA - Dopo anni di silenzio o di piccole azioni, il terrorismo era tornato ad uccidere il 20 maggio del 1999. Vittima il docente di diritto del lavoro all'ateneo romano La Sapienza Massimo D'Antona, 51 anni, consigliere dell'allora ministro del Lavoro Antonio Bassolino, così come suo collaboratore era stato Marco Biagi.

I killer lo aspettano a poca distanza dalla sua abitazione, in via Salaria a Roma, e quando D'Antona si avvia verso il suo studio, poco lontano da casa, lo freddano con tre colpi di pistola calibro 38.

Passano poche ore e le "Brigate rosse per la costruzione del Partito comunista combattente" (Br-Pcc) rivendicano con una risoluzione strategica di 28 pagine. Il documento indica D'Antona come uno dei protagonisti della politica economica del governo. Il 31 maggio nel carcere di Novara è trovata una lettera in cui cinque brigatisti 'irriducibili', Cesare Di Lenardo, Stefano Minguzzi, Francesco Aiosa, Ario Pizzarelli e Daniele Bencini, rivendicano la valenza politica dell'attentato.

Il 30 giugno, copie del comunicato vengono lasciate in una cabina telefonica di fronte alla Pirelli Bicocca di Milano, nella metro di Roma e spediti per posta a diversi sindacalisti.

Il 9 settembre una relazione del presidente della commissione stragi Giovanni Pellegrino attribuisce l'omicidio a "una cellula brigatista pericolosa, con nuovi moduli organizzativi e con militanti selezionatissimi".

Il 19 ottobre, durante perquisizioni nei confronti di persone ritenute vicine ai Carc (Comitati di appoggio alla resistenza per il comunismo) viene trovato un documento, attribuito a Giuseppe Maj, in clandestinità, che critica le Br per i tempi e i modi dell' uccisione di D' Antona.

Il 16 maggio 2000 la prima, importante, svolta nell'inchiesta giudiziaria. Viene arrestato l'informatico Alessandro Geri con l'accusa di essere il telefonista che rivendicò l'omicidio D'Antona. E' un ragazzo di 14 anni a fornire le indicazioni per risalire a Geri. Durante una ricognizione il testimone indica Geri e altre due persone come somiglianti all'uomo da lui notato nella cabina da cui partì la telefonata di rivendicazione. Il 28 maggio Geri viene scarcerato. E' la stessa procura a presentare la richiesta di scarcerazione a fronte dell'alibi fornito dal giovane per il 20 maggio '99. Un alibi che deve essere verificato e, comunque, Geri rimane indagato per l'omicidio.

Il 20 dicembre 2000 si apprende che è indagato per l'agguato di via Salaria anche Giorgio Panizzari, ex br arrestato in Umbria durante un tentativo di rapina. Il sospetto degli inquirenti è che Panizzari possa essere stato alla guida di uno dei furgoni usati dal commando brigatista in via Salaria.

Il 13 maggio del 2001 vengono arrestati otto militanti di Iniziativa Comunista sospettati di essere fiancheggiatori delle Brigate Rosse. Tra questi il segretario nazionale Norberto Natali e Rita Casillo. I due, successivamente, sono stati indagati per l'omicidio di D'Antona. Casillo fu indicata da un testimone, che però non la riconobbe nel confronto, come la donna che faceva parte del commando di via Salaria.

Sullo stesso argomento

News in archivio

La brigatista era già stata arrestata per reati di banda armata e associazione eversiva
Appello per l'omicidio D'Antona. Saraceni condannata a 21 an
La Corte d'Assise dispone per la donna anche la decadenza della potestà genitoriale
su La Repubblica del 04/04/2008
L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Le brigatiste rosse, in primo grado, avevano avuto condanne maggiori. Il procuratore Marini: "Una diminuzione eccessiva"
Omicidio D'Antona, in appello pene ridotte per Banelli e Proietti
su La Repubblica del 28/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0