Da Il Resto del Carlino del 28/07/2006

Strage del 2 agosto 1980

'Le mie foto per far sapere com'è l'inferno'

Il racconto del nostro fotografo: 'Con un filo di voce la gemellina superstite disse alla zia che non mi voleva lì. Restai senza parole ed uscii in punta di piedi'

di Paolo Ferrari

Me ne andai in punta di piedi, come non mi è mai capitato di fare in questo lavoro. Dopo alcune ore passate in piazza della stazione, ero scappato al Maggiore, nel reparto rianimazione, dove l’allora direttore, professor Nanni Costa, mi concesse di entrare «perchè il mondo potesse vedere».

Fu in questo reparto che fotografai una delle gemelline sopravvissute, con i segni dell’esplosione su tutto il corpo. Fu una delle foto che poi hanno fatto il giro del mondo. La bimba mi guardò e con un filo di voce disse alla zia che l’assisteva: «manda via quell’uomo». Restai senza parole. Me ne andai in punta di piedi.

La mattinata era iniziata come tante altre. Una volta appresa la notizia, ero rientrato a folle velocità dai lidi ferraresi dove avevo accompagnato la mia famiglia, approfittando della giornata che si era presentata molto tranquilla. Mi avevano chiamato dal giornale, e così ero stato catapultato lì, in piazza della stazione. Mi aggiravo come inebetito fra cadaveri resi bianchi come statue di gesso dalla polvere, fra i calcinacci e i taxi sventrati. L’edificio della stazione sembrava colpito da un attacco aereo. Ma non c’era la guerra.

Ricordo che mentre scattavo foto pensavo alla mia adolescenza quando, dopo un bombardamento, uscivi dal rifugio e camminavi fra le macerie delle abitazioni colpite. Tutto era cambiato. Mi trovai, all’improvviso, immerso in un mondo irreale, assurdo, fatto di morte e distruzione : un uomo di mezza età con un vestito color nocciola, giaceva davanti all’uscita del piazzale est, pietosamente coperto con un sacchetto di plastica; una giovane donna con un vestitino nero e i sandali, scagliata sotto una carrozza ferroviaria ferma sul primo binario; un uomo d’età indefinibile affiorava dalle macerie.

Una folla infinita scavava freneticamente nel tentativo di trovare ancora qualcuno in vita. Un mare di gente, la più disparata, si affacendava: i portabagagli della stazione si distinguevano per la loro divisa confezionata con il rigatino bolognese, vigili del fuoco, carabinieri, portantini, soldati delle varie armi, anche un sacerdote salesiano con il clergyman diventato bianco per la polvere.

Scattavo foto su tutto quello che ritenevo importante, conscio del dovere di lasciare una documentazione dello scempio compiuto nella mia Bologna. Mentre mi aggiravo in mezzo a questo scenario mi domandavo quale belva avesse potuto depositare quell’ordigno, guardando in faccia le sue vittime, e decidere freddamente di farle morire.

Alla sera, verso le dieci, fu scoperto il punto dell’esplosione. Assieme al collega Luciano Masi fui precettato dal magistrato per eseguire i rilievi. C’era la prova della bomba.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
La nuova inchiesta Lo «Sciacallo» tira in ballo i servizi segreti americani. Torna la pista del tedesco Kram
Carlos «assolve» Mambro e Fioravanti
Strage di Bologna, è stato interrogato per la prima volta a Parigi
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 26/04/2009

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
Comunicato stampa: dal libro di Riccardo Bocca rivelazioni sulla strage di Bologna
Fonte: Associazione Familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna
su mondoacolori.org del 28/06/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0