Da La Stampa del 21/04/2007

“La Storia nera spiegata a mia figlia”

Intervista a Giusva Fioravanti

di Guido Ruotolo

Di quel passato non c’è nulla che possa essere giustificato, esaltato. Eravamo in guerra, e oggi che siamo in pace non possiamo difendere quella guerra civile che è stata tragica e sbagliata. I conti con la giustizia li ho saldati, gli altri sono ancora aperti. Non pretendo nulla, io, noi che siamo stati i finti responsabili della strage di Bologna». Valerio Fioravanti smanetta su Internet, raccoglie dossier, statistiche, analisi, dati. Ogni giorno. E’ il suo lavoro. Monteverde, casa, via di Torre Argentina, ufficio. Tutti i santi giorni. Nella sede storica dei radicali, il fondatore dei Nar, Valerio Fioravanti, (e sua moglie Francesca Mambro), lavora all’Associazione «Nessuno tocchi Caino», contro la pena di morte. Oggi arriva in libreria «Storia Nera», un libro di Andrea Colombo (ex manifesto, portavoce di Rifondazione comunista), che parla di quella strage orrenda costata 85 morti e 200 feriti: Bologna, appunto. Colombo racconta la «verità» sull’attentato di Valerio Fioravanti e di Francesca Mambro, condannati insieme a Luigi Ciavardini per la strage del 2 agosto del 1980. Valerio “Giusva” Fioravanti tiene a precisare: «E’ solo un libro, non ha l’obiettivo di ottenere la revisione del processo. I processi non si fanno sui libri né in televisione ma in aula di Tribunale. Per Bologna ho finito di scontare la pena e dunque sono in una posizione comoda: ho il diritto di chiedere di riparlarne. Il libro è un’occasione per farlo». Ventisette anni dopo, e dopo una stagione di processi per i 33 omicidi commessi dai Nar, ai quali si aggiungono sul conto della giustizia gli 85 morti di Bologna, chiede di riparlarne. Lei non ha mai voluto esprimere un giudizio su quella tragica esperienza di lotta armata? «Due anni è durata, la stagione dei Nar. Quando sento parlare gli ex terroristi provo disagio perché mi sembra che tutti si giustifichino. Sostanzialmente arrivano alla conclusione di riconoscere la sconfitta ma solo perché mancavano i numeri per vincere. Ancora oggi non riesco a esprimere un giudizio sulla stagione dei Nar.

Perché non intendo giustificarla, commemorarla, esaltarla. L’autore di “Storia nera”, Andrea Colombo, racconta dei Nar come di un gruppo molto più politico di altri, che la politica intesero farla in maniera anarcoide, distruttiva e autodistruttiva». A sua figlia Arianna, un giorno racconterà chi era Valerio Fioravanti? «Alcune cose, sia pure in modo sommario, io e Francesca già gliele spieghiamo. E’ difficile dire chi eravamo. A suo tempo, la definizione che demmo a Giovanni Bianconi è questa: fummo una sorta di “Ragazzi della via Pal” in versione esagerata. Ci siamo schierati a difesa del territorio, dell’onore, di cose difficilissime da spiegare oggi. Erano anni in cui ci si menava, ci si sparava per strada e noi abbiamo fatto parte di quel giro. La difficoltà per gli altri è stata quella di comprendere che noi eravamo consapevoli della esiguità delle nostre forze (il Msi prendeva il 4% dei voti, il Pci il 32%). Solo degli asini integrali avrebbero potuto pensare di arrivare al potere. Insomma, noi abbiamo fatto politica, anche politica armata, sapendo che eravamo destinati alla sconfitta». Siete stati dei moderni kamikaze? «No. Semmai i ragazzini di Berlino che resistono consapevoli di essere sopraffatti, o quelli della Repubblica sociale convinti che la guerra era persa, ma che bisognava salvare l’onore. Resistevamo per non essere spazzati via dalla storia. Insomma, non avevate alle spalle nessun progetto politico? «Non potevamo averlo, eravamo mossi dall’imperativo emotivo di resistere». Oggi, però, invitate a riflettere su quella stagione, proponete una vostra “verità” su Bologna. «Abbiamo accettato una provocazione intelligente dell’autore di “Storia nera”: rileggendo gli atti processuali, vecchi di un quarto di secolo, li abbiamo aggiornati. E nel farlo abbiamo rappresentato tutte le possibili piste alternative per Bologna.

In sostanza, riteniamo che in una logica di ombrello protettivo, gli apparati dello Stato abbiano garantito, negli anni della Guerra Fredda e del terrorismo mediorientale, che l’Italia subisse relativamente poche perdite. Questo è stato ottenuto grazie a una serie di spregiudicati equilibrismi della nostra politica e dei nostri servizi segreti. Come dimostrano pagine ancora da riscrivere come Ustica e la stessa Bologna».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
La nuova inchiesta Lo «Sciacallo» tira in ballo i servizi segreti americani. Torna la pista del tedesco Kram
Carlos «assolve» Mambro e Fioravanti
Strage di Bologna, è stato interrogato per la prima volta a Parigi
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 26/04/2009

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
Comunicato stampa: dal libro di Riccardo Bocca rivelazioni sulla strage di Bologna
Fonte: Associazione Familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna
su mondoacolori.org del 28/06/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0