Da La Repubblica del 14/10/2004

La conferma nei file della Banelli: l´arma è la firma delle Br

Una Walther uccise D´Antona e Biagi

La procura di Firenze: "Portare a Roma il processo per le rapine agli uffici postali"

di Claudia Fusani

ROMA - Una Carl Walther calibro nove di fabbricazione tedesca, un silenziatore e due caricatori. E´ il kit che le Brigate Rosse hanno usato per uccidere Massimo D´Antona e, tre anni dopo, Marco Biagi. La pistola che l´organizzazione aveva destinato esclusivamente alle «azioni disarticolanti per attaccare il cuore dello stato». L´arma che, come racconta la pentita Cinzia Banelli, rappresentava «la firma dell´organizzazione nei due omicidi politici».

La marca della pistola che ha ucciso a Roma in via Salaria nel 1999 e a Bologna in via Valdonica nel 2001 era ancora uno dei misteri dell´inchiesta sulle Br. Erano state fatte varie ipotesi, si era parlato di una Franki LLama di fabbricazione spagnola, di una Makarov russa e di altre provenienti dall´ex blocco sovietico. Ipotesi che ruotavano intorno all´unica certezza: il calibro. La risposta è nelle trentamila pagine depositate lunedì dai pm romani Ionta, Saviotti e Amelio (la procura di Firenze ieri ha chiesto al gip di trasferire a Roma il processo toscano sulle rapine di autofinanziamento), atti che sono la copia dei file di Cinzia Banelli e Roberto Morandi decrittati grazie alle parole chiave fornite dall´ex compagna So. In quei moderni "covi informatici" che sempre di più sono le memorie dei computer dei brigatisti, c´è un documento datato 13 marzo 2003, dieci giorni dopo la sparatoria sul treno dove sono stati uccisi l´agente Petri e Mario Galesi ed è stata arrestata Nadia Lioce. Qualcuno, probabilmente Marco Mezzasalma, appena circola la notizia della sparatoria si precipita nel covo di via Maja a Roma, dove vivevano in clandestinità dal ?99 Lioce e Galesi, e porta via il "cuore" dell´organizzazione: le armi. Un´operazione fatta in fretta e furia, nel covo ancora caldissimo, che poteva essere individuato da un momento all´altro dagli investigatori (cosa che avvenne il 24 ottobre successivo) e che poi fu smantellato a maggio. Le armi furono le prime ad essere spostate. E nascoste in un luogo tuttora ignoto. Mezzasalma, quel 13 marzo 2003, stende, secondo la consolidata prassi brigatista, un inventario dettagliato che ora si può leggere in un documento di cinque pagine intitolato: "Classificazione". Il primo capitolo è dedicato ai "pezzi" in dotazione all´organizzazione: c´è un «mitragliatore Uzi calibro 9 con munizioni 9 luger, un caricatore nuovo e due vecchi»; c´è un «bambinello con 7 colpi», l´arma lunga smontabile usata anche per le rapine in Toscana; c´è «una Beretta a canne mozze calibro 12»; una «semiautomatica vecchia Katalkartasuna calibro 7.65 con due caricatori»; un «revolver Beretta» e un «revolver Smith & Wesson calibro 38 special». Chiude l´elenco la «Carl Walther spec. ausf. cal.9», l´arma silenziata degli omicidi che ha sparato sei colpi contro D´Antona e altre sei volte contro Biagi.

Il documento "Classificazione" prosegue con la descrizione del contenuto del "Deposito utilizzabile": in varie scatole e buste sono stati sistemati armi, proiettili, detonatori, bombolette spray antiaggressione. Per gli investigatori questo potrebbe essere l´arsenale per azioni piccole, propaganda armata o poco più, gli attentati rivendicati con le sigle minori come Nipr e Npr. Altra cosa è il "Deposito non utilizzabile", cioè l´arsenale che non deve essere toccato: qui, in due contenitori diversi, ci sono il "bambinello con due caricatori", la pistola degli omicidi, la Carl Walther, e tante munizioni da riempire un elenco di cinque pagine.

I sei pezzi più altri due in dotazione al gruppo toscano rappresentano l´inventario definitivo dell´arsenale Br. Nessuna di queste armi è stata ancora trovata. Sono nascoste sottoterra, da qualche parte, tra la Toscana e il Lazio.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Lettera aperta dal segretario del Prc: errore quel no all'aula per suo marito
«Signora Biagi, le chiedo scusa»
Non avrei mai pensato di scrivere queste parole
di Tiziano Loreti su Corriere della Sera del 09/02/2007
Il pg di Roma chiede incostituzionalità della norma e stralcio
Legge Pecorella: Br, rischio proscioglimento
Ben 14 brigatisti, accusati dell'omicidio D'Antona e assolti in primo grado, potrebbero non essere più processati
di AA.VV. su Corriere della Sera del 03/05/2006

News in archivio

Clima incandescente a Milano: sedici gli imputati, i giovani del "Gramigna" di Padova a fare da claque. Il giuslavorista e "Libero" chiedono di poter essere parte civile
Slogan, urla, attacchi a Ichino. Al via il processo alle nuove Br
Il pm Boccassini chiede che alcuni imputati vengano allontanati dall'aula. Dopo le minacce al candidato Pd: "Gli operai muoiono per le tue leggi"
su La Repubblica del 27/03/2008
su Corriere della Sera del 09/02/2007

Uno sguardo all'attualità

Articoli in archivio

Polemica dopo l'annuncio di Berlusconi contestato dalla sinistra come propagandistico
"Duecento terroristi arrestati" Palazzo Chigi insiste: è verità
Ma conteggia anche gli scarcerati e gli assolti
di Claudia Fusani su La Repubblica del 28/11/2005
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0