Da Corriere della Sera del 13/09/2005

Luigi Cavallo, uomo dei misteri da Togliatti a Sogno

di Andrea Garibaldi

Il torinese Luigi Cavallo è morto a 85 anni, l’8 settembre, data evocativa e non poteva essere altrimenti per un uomo che è stato talmente comunista da firmare editoriali sull’Unità con Palmiro Togliatti, poi allontanato dal Pci, accusato di aver organizzato un “golpe bianco” antisovietico con Edgardo Sogno e assolto, accusato di aver collaborato a creare un sindacato padronale in Fiat, condannato per estorsione ai danni di Roberto Calvi per conto di Michele Sindona. “Il provocatore”, si chiamava il libro che gli dedicò nel ’76 Alberto Papuzzi, e c’è un’aria oscura e polverosa anni ’50 e ’60 nella sua vita, che di sicuro porta via con sé molti misteri. La guerra fredda, il giornalismo inteso come dossier riservati branditi contro personaggi specifici, strumenti nelle battaglie durissime della politica e dell’economia.
Cavallo ha chiuso i suoi giorni a Beziers, capitale vinicola della Linguadoca, Francia del Sud, ma proprietario di un appartamento a Parigi, alla Madeleine. La vita sul filo del rischio, azione e scrittura, non aveva reso male: negli ultimi anni Cavallo, la figura alta e corpulenta, moglie e due cani. si presentava elegante, di buoni gusti, evidentemente agiato.
Dunque, Cavallo, che prenderà due lauree, Filosofia a Torino e Scienze Politiche a Berlino, nel 1943 è partigiano, anzi fonda, con altri militanti comunisti, la rete “Stella Rossa”, uno dei primi gruppi di resistenza antinazista in Piemonte. Dall’aprile ’45 al maggio ’46 è caporedattore di politica interna all’Unità, dal ’46 al ’49 è accreditato a Parigi e a Berlino come inviato del giornale, poi la rottura. Cavallo dice di aver dato l’addio al partito in polemica antistalinista a favore di Tito, sull’Unità compare un avviso che lo definisce “mai iscritto regolarmente al Pci” e “diffida i compagni ad avere rapporti con lui”. Si apre il periodo americano: accredidato presso l’Onu come giornalista e traduttore dalla Lega Jugoslava, ma nel 1952 viene arrestato ed espulso, c’è il maccartismo e lui si rifiuta di testimoniare contro i comunisti americani. Ritornato in Europa, Cavallo partecipa alla rivolta operaia di Berlino, organizza la diffusione di stampa clandestina nella Germania Est. Ma è attivo anche in Italia, compare Edgardo Sogno, con il quale Cavallo fonda la rivista “Pace e libertà”. Fra i collaboratori anche Giorgio Pisanò, che arriva dalla Repubblica di Salò. “Pace e libertà” ha un ruolo nelle durissime lotte operaie in Fiat, nella creazione del sindacato autonomo Sida.
Luciano Violante, giudice a Torino, lo fa arrestare, 1974, assieme a Sogno per il “golpe bianco”. Prosciolti, “il fatto non sussiste”. Ma Sogno dirà ad Aldo Cazzullo nel “Testamento di un anticomunista”: “Il colpo di Stato non sussiste perché non è mai avvenuto, il codice punisce anche la preparazione di iniziative eversive, ma il magistrato che la vuole reprimere deve provarla…”.
Non è finita. Cavallo è alla testa dell’agenzia “A”, attacca Roberto Calvi, presidente del Banco Ambrosiano, o meglio – secondo i giudici che lo condannarono a quattro anni – ricatta Calvi per conto di Sindona. Corre di nuovo in Francia e da qui difende il bulgaro Antonov accusato come mente dell’attentato al Papa, lo chiama vittima di un complotto dei servizi italiani e del “Reader’s Digest”. Cavallo sarà estradato in Italia per scontare la condanna, poi di nuovo in Francia. Ultima fatica, un libro contro la Banca d’Italia.

Altri articoli in archivio


Rettifica pubblicata nella pagina "Lettere" del Corriere della Sera
Cavallo, Sogno e la rivista «Pace e libertà» Con riferimento ...

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La fine dello scontro con l´Urss e l´arrivo sulla scena di al Qaeda costringono il Pentagono a rivedere la propria presenza militare all´estero
Addio all´ultima base della Guerra Fredda
Una sede vecchia e indifesa, ora l´America punta su Vicenza e Sigonella
di Gianluca Di Feo su La Repubblica del 24/11/2005
Rettifica pubblicata nella pagina "Lettere" del Corriere della Sera
Cavallo, Sogno e la rivista «Pace e libertà» Con riferimento ...
di Lorenza Cavallo su Corriere della Sera del 06/10/2005
Giornalista, espulso dal Pci negli anni ‘40. Fondò il sindacato giallo alla Fiat
Torino, è morto Luigi Cavallo fu arrestato con Edgardo Sogno
di AA.VV. su La Repubblica del 13/09/2005

News in archivio

Corviale (Roma), 14/15/16/17 dicembre 2006
UN FESTIVAL PER LE PERIFERIE ROMANE
su mondoacolori.org del 12/12/2006
Vecchi e nuovi terrorismi - Memoria di una strage
27 dicembre 1985, ancora sangue a Fiumicino
su mondoacolori.org del 27/12/2005
Vecchi e nuovi terrorismi - Memoria di una strage
16 dicembre 1973, terrore nell'aereoporto di Fiumicino
su mondoacolori.org del 16/12/2005
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0