Da Corriere della Sera del 17/09/2005

ANTICIPAZIONE Il secondo volume sui documenti trafugati dall'archivista russo

Mitrokhin: così il Kgb finanziò Allende

E l'Urss faceva affari con la giunta militare argentina

Molto si è scritto sulle operazioni segrete condotte in Cile dalla Cia per provocare la caduta del presidente socialista Salvador Allende, abbattuto l’11 settembre 1973 dal colpo di Stato del generale Augusto Pinochet. Ben poco si sa invece dell’attività parallela svolta nel Paese andino dallo spionaggio sovietico per sostenere Unidad Popular, il fronte delle sinistre.
Ora però dalle carte riservate del Kgb giunge una novità importante: lo stesso Allende, a quanto pare, era u contatto confidenziale degli agenti di Mosca, dai quali ricevette ingenti somme di denaro. La rivelazione si trova nel secondo volume dedicato dallo storico inglese Christopher Andrew ai documenti del Kgb copiati e trafugati in occidente dall’archivista Vasilij Mitrokhin, morto nel gennaio 2004. Il libnro, che parla delle imprese compiute dalle spie sovietiche in Asia, Africa e America Latina, esce quasi simultaneamente in Italia (da Rizzoli), Usa e Gran Bretagna.
Il capitolo sul Cile si apre negli anni Cinquanta, quando Allende, socialista alleato dei comunisti, fu avvicinato da un uomo del Kgb, Svjatoslav Kuznetsov, cui assicurò “la sua disponibilità a collaborare su basi confidenziale a fornire tutto l’appoggio necessario”. Il cileno, in realtà, nota Andrei, “non corrispondeva a nessuno stereotipo di leader marxista”: massone dai gusti aristocratici, amante del lusso e delle belle donne, era visto con diffidenza dai comunisti ortodossi, che gli attribuivano “simpatie maoiste”. Tuttavia aveva un grande seguito tra le masse popolari e, proprio per il suo stile di vita borghese, appariva rassicurante ai ceti medi progressisti.
Sconfitto alle elezioni presidenziali del 1964, nella tornata del 1970 Allende venne favorito dalla frattura del fronte moderato, diviso tra un candidato democristiano e uno di destra.
Cia e Kgb investirono parecchi quattrini in quel turno elettorale, ma va ricordato che i fondi di Mosca andarono perlopiù al Pc di Luis Corvalàn.
Comunque Allende prevalse nel voto popolare, sia pure con la maggioranza relativa e per uno scarto esiguo, poi venne eletto al Parlamento: il Kgb rivendicò parte del merito per il successo e continuò a sovvenzionare il presidente, che s’incontrava e consultava spesso con Kuznetsov. I problemi iniziarono quando Mosca inviò a Santiago l’ambasciatore Aleksandr Basov, che pretendeva l’esclusiva dei rapporti con Allende. Il conflitto tra i due russi è emblematico della rivalità tra servizi segreti e ministero degli Esteri che caratterizzò l’epoca della Guerra Fredda.
Intanto la dura reazione di Washington all’elezione di Allende induceva il Cremlino a più miti consigli. Jurij Andropov, capo del Kgb, osservò che gli americani non interferivano nell’Est europeo e quindi, in ossequio alla spartizione del mondo, l’Urss in America Latina doveva procedere con cautela: su questo Mosca si trovò in perenne attrito con Fidel Castro, smanioso invece di esportare la rivoluzione in tutto il continente.
D’altronde il leader cileno aveva poco in comune con il dittatore cubano: “Secondo il Kgb – scrive Andrei – il difetto fondamentale di Allende era la sua indisponibilità a far uso della forza contro gli avversari”.
Forse anche per questo le somme stanziate dall’Urss in Cile furono piuttosto basse, rispetto agli enormi aiuti economici destinati a Cuba e più tardi al Nicaragua sandinista, per non parlare dell’Egitto di Nasser.
L’epilogo è noto. Colto di sorpresa dal golpe di Pinochet, nonostante i moniti delle spie di Mosca, Allende non fece appello alla resistenza popolare e preferì sacrificarsi (quasi sicuramente si suicidò mentre il suo palazzo veniva bombardato) per “evitare un bagno di sangue ancora più orrendo”.
Più in generale l’America Latina si dimostrò un ambiente inospitale per il Kgb, non soltanto perché situato nella sfera d’influenza americana, ma anche perché difficile da comprendere. Castro prese il potere senza alcun appoggio da parte dell’Urss: fu poi lui a contattare di sua iniziativa i sovietici, che ne fecero la loro testa di ponte, ma lo considerarono sempre un eterodosso dalle ambizioni eccessive.
E non parliamo di Ernesto Guevara, accusato di ignorare “i principi basilari del marxismo-leninismo”. La morte del Che in Bolivia, nell’ottobre del 1967, vide scendere in piazza a Mosca solo pochi studenti latinoamericani, mentre a Washington, nel covo del nemico, gli resero omaggio oltre 50 mila attivisti di sinistra.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I documenti ripresi da "Newsweek" riguardano i viaggi all´estero del reporter. Le vendette selettive dei pasdaran del nuovo corso
Varsavia, la guerra dei dossier "Kapuscinski collaborò con il regime"
Dagli archivi i rapporti del giornalista ai Servizi segreti comunisti
di Andrea Tarquini su La Repubblica del 23/05/2007
Mille lingotti depositati in banca 7 anni dopo il golpe
L´oro di Pinochet custodito a Hong Kong
La procura cilena apre un´inchiesta urgente: si teme che il denaro sparisca
di Alessandro Oppes su La Repubblica del 27/10/2006
Svelati i trucchi dell´intelligence tedesca nell´ultima guerra. Una baronessa polacca informava Berlino
Il codice nell´orlo delle gonne così i nazisti spiavano Londra
Modelli da sartoria e una giovane lady tra le armi segrete di Hitler
di Enrico Franceschini su La Repubblica del 05/09/2006

News in archivio

"Arresto cardiaco e edema polmonare", si è sentito male durante la notte. Il figlio Antonio: "Salvato da un by-pass d'urgenza. Siamo nelle mani di Dio e dei medici"
Cile, Pinochet colpito da infarto. "L'ex dittatore è grave ma stabile"
su La Repubblica del 03/12/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0