Da Corriere della Sera del 09/02/2007

Lettera aperta dal segretario del Prc: errore quel no all'aula per suo marito

«Signora Biagi, le chiedo scusa»

Non avrei mai pensato di scrivere queste parole

Il segretario di Rifondazione comunista, Tiziano Loreti, scrive sul Corriere di Bologna una lettera aperta a Marina Biagi e Olga D'Antona. E il sindaco Cofferati annuncia che nella targa di piazzetta Marco Biagi, sarà inserito il riferi-mento alle Brigate rosse.

di Tiziano Loreti

Gentili signore, non avrei mai pensato di doverVi scrivere questa lettera ma ho deciso che fosse giusto, in questa occasione, rivolgermi direttamente e pubblicamente a Voi. Vorrei prima di tutto dirVi che mi dispiace, che abbiamo sbagliato, che quell'ordine del giorno in Provincia andava votato, anche se, nella discussione che lo aveva preceduto, si era tutti d'accordo nell'intitolare la sala, non solo ai vostri cari, ma a tutti i caduti sul lavoro. Non credo esistano morti leggere come piume o pesanti come macigni.
«Esistono solo uccisioni che potevano e dovevano essere evitate. E questo vale sempre, che gli uccisi si chiamino Massi-mo, Marco, Francesco, Carlo, Amhed e co-sì via.
Che siano d'accordo o in disaccordo con noi. Che si conoscano oppure no. Che lavorino in un ministero, in un'università, in un cantiere edile. Trovo insopportabile che si tolga la vita per cancellare le diffe-renze, come trovo inaudito essere ucciso per portare a casa uno stipendio. Quando una persona viene sottratta — per mano di altri — all'affetto dei suoi cari, ai suoi amici, alla sua comunità, ciò si riverbera a cascata su tutta la società e provoca un dolore infinito: a me, per esempio, l'ucci-sione dei Vostri mariti ha riportato alla mente il dolore provato quando, in questa nostra città, fu ucciso il mio amico e com-pagno Lorusso. Ho sempre pen-sato e più volte di-chiarato che avrei voluto che i Vostri cari fossero anco-ra qui per potergli dire che non la penso come loro e che quello che pro-ponevano non ri-spondeva al loro obiettivo dichiara-to: rendere miglio-ri le vite dei più de-boli. E vorrei an-che che Massimo D'Antona e Marco Biagi venissero ri-cordati senza str-u-mentalizzazioni politiche, sarebbe un utile servizio al-la loro memoria.
Ma se ho, se abbia-mo, contribuito — anche involontariamente — a riaprire le Vostre terribili ferite vi chiedo di scusar-mi, di scusarci. Le nostre pratiche, i nostri sogni ci dicono che il fine NON può MAI giustificare i mezzi. Io, assieme ai tanti al-tri che ostinatamente si dichiarano comu-nisti, mi batto — in modo pacifico e non violento — per vivere in un mondo in cui la crudeltà della fine "innaturale" di una vita non si manifesti più.
E penso che questo sarebbe meno diffici-le se, anche sul terreno della politica, tutti riaffermassimo — nei fatti — che la morte di persone innocenti è sempre disumana e ingiusta. Spero, con queste poche righe, di averVi spiegato il senso del nostro agire e sono a Vostra disposizione per qualsiasi eventuale forma di dialogo Voi riterrete utile.
Vi saluto con profondo rispetto».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il pg di Roma chiede incostituzionalità della norma e stralcio
Legge Pecorella: Br, rischio proscioglimento
Ben 14 brigatisti, accusati dell'omicidio D'Antona e assolti in primo grado, potrebbero non essere più processati
di AA.VV. su Corriere della Sera del 03/05/2006
La conferma nei file della Banelli: l´arma è la firma delle Br
Una Walther uccise D´Antona e Biagi
La procura di Firenze: "Portare a Roma il processo per le rapine agli uffici postali"
di Claudia Fusani su La Repubblica del 14/10/2004

News in archivio

Clima incandescente a Milano: sedici gli imputati, i giovani del "Gramigna" di Padova a fare da claque. Il giuslavorista e "Libero" chiedono di poter essere parte civile
Slogan, urla, attacchi a Ichino. Al via il processo alle nuove Br
Il pm Boccassini chiede che alcuni imputati vengano allontanati dall'aula. Dopo le minacce al candidato Pd: "Gli operai muoiono per le tue leggi"
su La Repubblica del 27/03/2008
su Corriere della Sera del 09/02/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0