Da La Repubblica del 05/09/2006

Svelati i trucchi dell´intelligence tedesca nell´ultima guerra. Una baronessa polacca informava Berlino

Il codice nell´orlo delle gonne così i nazisti spiavano Londra

Modelli da sartoria e una giovane lady tra le armi segrete di Hitler

La cattura di due agenti nazisti, nel ‘42, permise ai britannici di decifrare il codice. Lo stratagemma contenuto in documenti riservati resi pubblici per la prima volta

di Enrico Franceschini

LONDRA - Punto, linea, punto, linea, punto, linea, linea, punto. Non ci vuole molto a riconoscere l´alfabeto Morse, il codice con cui si trasmettevano i messaggi con il telegrafo e il linguaggio d´ordinanza delle comunicazioni radiofoniche navali. Ma è decisamente più difficile riconoscerlo se punti e linee sono tratteggiati lungo i contorni di modellini di abiti femminili, da ritagliare su giornali di moda. Era questo uno dei sistemi ideati dalle spie naziste in Gran Bretagna per inviare con la posta normale dei messaggi in codice ai loro complici nel Terzo Reich: un´idea ingegnosa, che il servizio segreto britannico scoprì solo grazie all´arresto di due agenti tedeschi e che soltanto oggi, a oltre sessant´anni di distanza, il Regno Unito si è deciso a rivelare. Lo stratagemma fa parte di una serie di documenti riservati che gli Archivi Nazionali di Stato hanno reso pubblici per la prima volta: ci sono, oltre al trucco dell´alfabeto Morse nascosto nelle figurine di tailleur, gonne e stivali, svariate curiosità sullo spionaggio del tempo di guerra, inclusa la storia di una «Mata Hari» britannica, che andava a letto con gli uomini più potenti della Londra 1940 e poi spifferava le loro confidenze d´alcova a Hitler.
Si chiamava Malwina Gertler, era una rifugiata polacca arrivata in Gran Bretagna nel 1935, all´età di 27 anni. La sua bellezza fece colpo, sposò un aristocratico inglese, lord Howard di Effingham, assumendo il titolo di lady Howard. Non gli fu, tuttavia molto fedele. Allo scoppio della seconda guerra mondiale lady Howard ebbe stretti contatti con gli ambasciatori di Russia, Turchia ed Egitto, ed era intima amica del futuro ministro degli Esteri britannico Anthony Eden. Se la faceva con tutti, ma non per piacere: il suo vero amore era Edward Weisblatt, un trafficante d´armi sospettato di lavorare sia per la Gestapo che per Stalin. E proprio a Weisblatt, secondo i rapporti riservati dell´MI5, il controspionaggio britannico, la «Mata Hari» di origine polacca riferiva le notizie apprese dai suoi corteggiatori ed amanti, che prontamente il suo uomo trasmetteva in Germania. Ma non durò molto: lady Howard fu scoperta e arrestata nel 1941. Sembra quasi di vedere un vecchio film in bianco e nero, con Humprey Bogart, Ingrid Bergman e ombre minacciose dietro ogni angolo.
Quanto al codice Morse tratteggiato nei vestitini, col senno di poi può far sorridere, come un sistema infantile ed ingenuo. Eppure funzionò, almeno per un po´. «Pesanti rinforzi del nemico sono attesi di ora in ora», diceva un messaggio celato nei punti e nelle linee di un abito. «Quattordici fortezze volanti arrivate ieri a Londra, ci si aspetta che i piloti bombardino Kiel (in Germania, ndr)», diceva un altro, simulato in una gonna. La cattura di due agenti nazisti, nel 1942, permise al controspionaggio britannico di decifrare il codice e da allora le figurine non ebbero più segreti per Churchill. Ma le spie di Hitler ricorsero anche ad altri sistemi, nascondendo messaggi nell´inchiostro invisibile, negli spartiti musicali, nelle descrizioni di partite a scacchi, perfino in cartoline per innamorati, che venivano spezzate per inserire nell´intercapedine dei minuscoli rotolini di carta col messaggio cifrato e poi di nuovo incollate.
Tutto veniva poi impostato e spedito a paesi neutrali con la posta normale: stava al censore militare scoprire, in quelle lettere apparentemente innocenti, messaggi segreti che potevano influire sulle sorti della guerra.
Una cosa gli Archivi Nazionali non dicono, ma si capisce lo stesso dalla mole del materiale reso noto: di spie naziste, nella Londra 1940-´45, dovevano essercene molte di più di quanto si sapeva finora. «Mata Hari», evidentemente, non era sola.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I documenti ripresi da "Newsweek" riguardano i viaggi all´estero del reporter. Le vendette selettive dei pasdaran del nuovo corso
Varsavia, la guerra dei dossier "Kapuscinski collaborò con il regime"
Dagli archivi i rapporti del giornalista ai Servizi segreti comunisti
di Andrea Tarquini su La Repubblica del 23/05/2007

News in archivio

Olocausto
Addio alla nomade torturata da Mengele
Lo scienziato nazista le iniettò la malaria
su mondoacolori.org del 02/09/2006
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0