Da mondoacolori.org del 19/03/2007

Il prestigioso quotidiano inglese The Indipendent chiede scusa ai propri lettori. La droga, ogni droga fa male e promuoverne mediaticamente la legalizzazione è stato un errore grave

Ma il boss non ha paura

Il clamoroso articolo d’oltre manica a Casa Nostra però sembra non scalfire il fronte di chi vuole legalizzare “la maria”. E Cosa Nostra tira un respiro di sollievo

di Roberto Bortone

“Purtroppo ci siamo. Questi però uno più uno non lo sapranno fare! Dai, non è detta l’ultima parola Pasquà!”.
No, non è l’ennesima intercettazione telefonica, state tranquilli. Non è nemmeno un pizzino od una frase in codice. E’ solo quello che probabilmente qualche intelligente camorrista, laureato in economia e commercio, con il padre ex-boss in carcere, sta oggi pensando e confidando al suo segretario particolare. E’ il 18 marzo, sono le 8 del mattino in punto. La giovane promessa della criminalità dal colletto bianco ha appena finito di leggere un giornale inglese che si chiama The Indipendent. Glielo ha portato di corsa Pasquale. Pure lui ormai, dopo anni ed anni di “permanenza” all’estero l’inglese lo mastica benino, e si è subito reso conto che al suo capo quel giornale poteva interessare. In prima pagina c’è un titolo esplosivo: “Cannabis, chiediamo scusa. Nel 1997 questo giornale aveva lanciato una campagna per depenalizzare la droga. Se solo avessimo potuto sapere quello che vi stiamo rivelando oggi…”. “Questi sono pazzi!! Ci vogliono rovinare!” aveva esclamato il giovane boss in un primo momento leggendo quelle pagine di stampa inglese. Ma poi accendendosi una sigaretta, si era ricreduto, tranquillizzato. Forse si era ricordato delle parole di suo padre e di quell’occhiolino sfuggente lanciatogli mentre lo stavano portando in cella, per sempre. “Stai tranquillo che questi uno più uno non lo sanno e non lo vogliono fare”. Già, chi ci ha provato in fondo è stato barbaramente ammazzato. Torniamo però al nostro articolo e al nostro boss. Che diavolo dice l’Indipendent? Mica si saranno fatti un mega cannone in redazione? Ebbene no. Dalla lucidità di quando riportato sembra abbiano definitivamente smesso. L’articolo, anzi la serie di articoli, semplicemente riconoscono che decenni di lotta mediatica spesi per aprire ed allargare il fronte della legalizzazione delle droghe in Gran Bretagna sono stati decenni buttati. Anzi spesi male, al servizio della criminalità organizzata e della società di psichiatria. La prima ha visto allargato il suo mercato del 500% grazie allo scivolamento sociale che la campagna mediatica e politica ha provocato in una larga fascia di giovani e giovanissimi. La seconda ha conosciuto un incremento mostruoso dei casi di schizofrenia legata all’utilizzo della cannabis. Tra chi? Sempre tra i giovani, state tranquilli. Un esercito di dipendenti, che è passato da 5000 persone nel 2005 ai 13.000 del 2006! Potere della televisione, del passaparola, dell’Indipendent e dello skunk. La micidiale droga introdotta negli ultimi anni in mezza Europa dalle organizzazioni criminali. Inutile specificarvi il made in Italy dei meticolosi commercianti senza frontiere.
E quindi? Perché il boss non ha più paura che qualcuno ponga fine ai suoi lucrosi traffici una volta per sempre? Se un giornale di sinistra, autorevole e ascoltato come il The Indipendent arriva a chiedere scusa ai propri lettori, significa che la Gran Bretagna intera è sull’orlo di prendere una decisione drastica e tremenda per le organizzazioni criminali: chiudere con ogni specie di droga, sintetica, leggera, pesante, evitando ogni scappatoia, ogni deriva: fa male, poco, tanto, a volte, solo ad alcuni, ognuno deve essere libero di scegliere e balle simili. No, la droga, ogni droga fa male e ingrassa sempre e comunque la criminalità organizzata. Uno Stato che si definisca minimamente democratico non può né produrre, né controllare la vendita di qualsivoglia stupefacente, tanto meno permettere che qualcuno lo faccia al suo posto. Ponendo fine a questo infausto dibattito chiamato legalizzazione si aprirebbe finalmente, concretamente, la prima possibilità reale di vincere la criminalità su un fronte sempre aperto, la prima linea dello spaccio di droga, fonte di immensi capitali che continuamente vengono riciclati e reinvestiti in attività legali. Abbiamo scoperto l’acqua calda? Sembrerebbe di no, a vedere quanto poco questa clamorosa presa di posizione della stampa britannica, abbia influito e stia influendo sul dibattito nostrano in tema di droghe e criminalità. Uno più uno. In Italia non sempre fa due. Stai tranquillo giovane boss, al massimo la vendi tutta giù da noi la tua sporca roba.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

XIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie
Oltre centomila da tutta Italia per ricordare e rinnovare l'impegno
di AA.VV. su Libera del 23/03/2008
Una partita ancora aperta
Articolo di Giuseppe D'Avanzo sul Corriere della Sera del 06/11/2007
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 06/11/2007

News in archivio

Blitz della polizia in una villetta vicino Palermo. In manette anche Sandro Lo Piccolo. Erano in una riunione con altri quattro boss. "Dopo Provenzano è capo di Cosa Nostra"
Mafia, arrestato Salvatore Lo Piccolo. Un nuovo pentito decisivo per le indagini
Francesco Franzese ex uomo di fiducia del padrino. Il figlio urla: "Ti amo papà". Era latitante dal 1983. Prodi: "Un successo dello Stato e di tutti i cittadini onesti"
su La Repubblica del 05/11/2007
Gli sconcertanti dati della Confesercenti sugli affari criminali. "La 'Mafia 'Spa è l'industria italiana che risulta più produttiva"
"La mafia? E' la prima azienda italiana". Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno
su La Repubblica del 21/10/2007
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0