Un anno durato decenni. Vite di persone comuni prima, durante e dopo il '68

Edito da Odradek Edizioni, 2006
304 pagine, € 18,00
ISBN 8886973772

di AA.VV.

Quarta di copertina

A cura del Circolo Gianni Bosio.

Nel maggio di trentotto anni fa accadde qualcosa che avrebbe cambiato per sempre la storia, un movimento sociale e politico, corale e polimorfo, e - proprio per questo motivo - contraddittorio segnò lo spirito dei tempi. Fu messa in discussione non solo la politica e la società, ma la maniera stessa si pensare la Storia.
Un anno durato decenni. Vite di persone comuni prima durante e dopo il '68 (a cura di Circolo Gianni Bosio, Odradek, pp. 304, € 18,00) nasce dall’osservazione di un paradosso. Uno degli effetti del ‘68 sulla storiografia è stato senz’altro quello di contribuire a mettere in discussione una storia fatta di gruppi dirigenti; eppure, il ‘68 stesso ha generato una storiografia e una memorialistica che in larga misura mettono al centro proprio il protagonismo dei leader e dei gruppi dirigenti.
Per questo, al termine di un corso di storia orale cominciato presso la Libera Università di Roma e proseguito poi con il Circolo Gianni Bosio, si pensato di andare a cercare le storie di quelli che stavano’seduti in fondo nelle assemblee e sfilavano nelle ultime file dei cortei,’e senza i quali il ‘68 non ci sarebbe stato.
La storia orale come la conosciamo oggi è essa stessa il prodotto di un’ottica e di una sensibilità he risalgono a quegli anni. La storia orale, attraverso l’intervista dialogica, cerca di aprire spazi pubblici di parola e di ascolto a persone che difficilmente parlano in pubblico proprio perché non si considerano figure pubbliche, e perché le loro storie non gli sembrano abbastanza ‘straordinarie’’e ‘uniche’ da dover essere raccontate ad altri. Chiede, e offre, alle persone ‘comuni’ di prendere la parola e di raccontarsi; Un momento di sperimentazione di dialogo, di parità di confronto fra diversi che si riconoscono tali e che di questa differenza egualitaria fanno terreno di narrazione e di ascolto.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

DIBATTITO - La contestazione rappresentò una cesura fondamentale, come quella successiva dell'89: dopo l'intervento di Benedetto XVI
Chiesa e '68: partita aperta
La parola «crisi» rappresenta appieno quegli anni: la speranza allora era di superarla, ma il progetto raramente riuscì. Vinse la soggettività del desiderio: ma resta oggi aperta la domanda sul futuro
di Vittorio Possenti su Avvenire del 27/07/2007

In biblioteca

di AA.VV.
Storia e Letteratura, 2009
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0