Le parole nel vento. Stampa e radio raccontano la strage del 2 agosto

Edito da Minerva Edizioni, 2006
96 pagine, € 8,00
ISBN 8873811590

di Beatrice Tedeschi

Quarta di copertina

Un’analisi puntuale ed inedita di come la tremenda notizia della strage alla Stazione centrale di Bologna sia stata raccontata dai mezzi di comunicazione di massa nei momenti immediatamente successivi allo scoppio della bomba.
Crea una certa suggestione rileggere e quasi risentire le parole dei giornalisti che nella concitazione delle edizioni straordinarie cercano le frasi adatte per descrivere una situazione in realtà quasi indescrivibile, utilizzando per questo termini come inferno, catastrofe, tragedia. In una società in cui i mezzi di comunicazione non erano sviluppati quanto oggi, fu la radio che permise una prima e veloce diffusione dell’informazione sul territorio nazionale. Chi era in vacanza, al mare sulla spiaggia o in montagna, ancor prima di accendere il televisore, fu raggiunto dalla notizia proprio attraverso le voci dei giornalisti dei Gr nazionali.
Non mancarono poi, fin dalle prime concitate ore (l’edizione straordinaria va in onda circa un’ora dopo la strage), i tentativi di capire cosa fosse avvenuto. Inizialmente si fece spazio l’ipotesi dello scoppio di una caldaia, ma a questa si affiancò subito quella dell’attentato di marca neofascista collegato, in un qualche modo, con l’anniversario della strage dell’Italicus.
Molto interessante è poi il confronto che viene fatto fra le testate giornalistiche e le reazioni politiche. Molti giornali uscirono in edizione straordinaria, altri dedicarono gran parte delle edizioni del 3 e 4 agosto alla strage, raccogliendo testimonianze, pubblicando elenchi delle vittime svolgendo in tal modo un lavoro di informazione e al tempo stesso di ‘servizio’. Uno dei giornali locali più diffusi, Il Resto del Carlino, lanciò ad esempio una sottoscrizione in favore delle vittime e il fondo raccolto
si rivelò determinante per l’aiuto alle vittime, nell’immediato e soprattutto nei momenti e negli anni successivi all’evento.
Elemento che accompagna e accomuna tutte le cronache riportate dagli organi di informazione è,oltre alla commossa presenza del presidente Pertini, il rilievo dato al tremendo lavoro che svolsero i soccorritori, spesso volontari, e la reazione di grande dignità che la città intera oppose all’offesa.
Nonostante siano stati scritti molti testi sulla strage del 2 Agosto 1980, questo volume affronta l’argomento con un taglio del tutto originale.
Recensione

“Questo mio lavoro è dedicato alle vittime degli attentati e a chi lotta per dare loro giustizia”. Queste le parole con cui Beatrice Tedeschi, curatrice di questo libro, ha voluto iniziare queste pagine scritte per rispondere ad una domanda essenziale: come hanno raccontato i giornali, le radio e le televisioni quel tragico attentato agli italiani?
Alcuni tassisti chiacchierano davanti al bar della stazione, un autista del Pullman ha appena fatto scendere degli sfortunati passeggeri che vanno ignari verso la morte; un cronista del Resto del Carlino si aggira per la stazione intento ad intervistare i vacanzieri in partenza…
Sono tutti li ma poi in un attimo, un boato assordante, “un terremoto” diranno i primi testimoni, riporterà indietro di 40 anni Bologna ed il resto del Paese con lei.
Polvere, macerie e morte arrossano gli occhi e impastano le parole dei primi increduli e sconvolti giornalisti che raggiungono in tutta fretta la stazione. L’incertezza sul numero di morti, scene dall’inferno. Poliziotti che a fatica trattengono i familiari dallo scavare a mani nude tra le macerie alla ricerca pazza e disperata dei propri cari. Medici tornati spontaneamente dalle vacanze si recano in massa direttamente sul luogo dell’attentato. Commozione e rabbia. Forza e disperazione. Questi i sentimenti che suscitano quelle parole scritte allora e rilette oggi in questo libro. L’immagine di Bologna, una città che non si piega nemmeno di fronte ad un attacco di questo tipo commuove e rinnova il senso civico di ognuno.
Non sono brutti ricordi quelli evocati in questo volume ma pagine di storia, di una storia agghiacciante raccontata minuto per minuto, con i limiti e i difetti della cronaca ma anche con la sua straordinaria capacità di fissare l’essenziale, immergendo il cuore di chi legge e di chi ascolta, in quella polvere, in quelle grida, tra quei morti.

Roberto Bortone

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
La nuova inchiesta Lo «Sciacallo» tira in ballo i servizi segreti americani. Torna la pista del tedesco Kram
Carlos «assolve» Mambro e Fioravanti
Strage di Bologna, è stato interrogato per la prima volta a Parigi
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 26/04/2009

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
Comunicato stampa: dal libro di Riccardo Bocca rivelazioni sulla strage di Bologna
Fonte: Associazione Familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna
su mondoacolori.org del 28/06/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0