Joe Petrosino. Detective 285

Edito da Flaccovio, 2006
140 pagine, € 8,00
ISBN 8878042757

di Massimo Di Martino

Quarta di copertina

Joe Petrosino fu il primo poliziotto a capire che per sconfiggere la mano nera o la mafia era necessario tagliare i collegamenti delittuosi con i boss che risiedevano in Sicilia. Decapitata la cupola, sarebbe stato possibile in futuro annientare le metastasi che infestavano il Nuovo Continente. Per fare questo bisognava creare un nucleo ristretto di detective, senza l’obbligo della divisa, che potesse interpretare le logiche perverse e scellerate dei “pezzi da novanta”. Joe aveva capito tutto questo cent’anni fa e lo stesso presidente degli Stati Uniti Theodore Roosevelt lo inviò in Italia per creare una prima rete di intelligence.
Recensione

Petrosino come Dalla Chiesa.

Il paragone è arduo, ma non troppo. C'era del marcio negli Stati Uniti agli inizi del secolo scorso, un marcio che si poteva ancora pulire. Ad un giovane ma già esperto detective italiano fù affidato il compito di scoprire le radici di quel cancro chiamato allora "Mano Nera". Le metastasi partivano dalla Sicilia e lì Petrosino andò e trovò la morte. Perchè era stato lasciato solo da quel potere politico per cui lavorava. Quasi settanta anni dopo, nel 1982, l'Italia è stritolata dalla morsa criminale della mafia. Occorre reagire, serve un uomo in grado di guidare la reazione. Quell'uomo non poteva essere altri che il Generale Dalla Chiesa, chi conosce anche poco la storia del terrorismo nel nostro Paese sà perchè. E di nuovo le cellule deviate del nostro Paese diventavano metastasi partendo sempre da lì, dalla Sicilia. Anche Dalla Chiesa partì, si ritrovo solo, fu ucciso. Storie diverse ma simili, paradigmi di una lotta contro la criminalità organizzata che lascia il segno più nella memoria che in quel sistema maledetto e malato chiamato Cosa Nostra. Un libro da leggere questo di Di Martino, perchè se è vero che la storia non si riscrive mai su sé stessa, non dimentichiamo che il nostro presente non comincia da oggi.

Roberto Bortone

Sullo stesso argomento

 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0