Da La Repubblica del 16/05/2006

Il pg Marini chiede il carcere a vita per Lioce, Morandi e Mezzasalma. Conferma delle condanne e concorso morale per 4 Br, aumento pena per Boccaccini

I pm al processo D'Antona: "Confermare i tre ergastoli"

ROMA - Confermare la condanna all'ergastolo inflitta in primo grado a Nadia Lioce, Roberto Morandi e Marco Mezzasalma. Lo ha chiesto il Pg Antonio Marini, a conclusione della sua requisitoria, davanti alla I Corte d'Assise d'Appello di Roma, presieduta da Antonio Cappiello.

Lioce, Morandi e Mezzasalma, collegati stamani in videoconferenza con l'aula bunker di Rebibbia dalle carceri dove sono sottoposti a regime di 41 bis, furono riconosciuti responsabili dalla seconda corte d'assise della capitale dell'omicidio di Massimo D'Antona, avvenuto il 20 maggio del 1999.

Il procuratore generale Marini ha chiesto anche la conferma delle condanne in appello per Paolo Broccatelli, Federica Saraceni, Bruno Di Giovannangelo e dei quattro irriducibili Antonio Fosso, Franco Galloni, Francesco Donati e Michele Mazzei, tutti accusati del reato di associazione eversiva e banda armata, nonché, a vario titolo, di aver partecipato a rapine di autofinanziamento e di detenzione di esplosivi.

Ai giudici Marini ha chiesto inoltre un aumento di pena a 8 anni di reclusione per Simone Boccaccini, condannato in primo grado a 5 anni e 8 mesi. Per i quattro irriducibili, il magistrato ha sollecitato anche il rinvio degli atti alla procura competente affinché proceda anche per concorso morale in omicidio.

"Abbiamo accertato i contatti avvenuti - ha detto Marini - tra i militanti attivi e quelli che erano in carcere, con la bozza del documento di rivendicazione dell'omicidio D'Antona trovato in cella. Questo ci fa ipotizzare il concorso morale in omicidio, poiché da coloro che erano ancora liberi, non è stata chiesta agli irriducibili solo l'autorizzazione di utilizzare la sigla Br-Pcc, ma anche quella per compiere il delitto".

Mazzei, Donati, Fosso e Galloni, che hanno assistito all'udienza dalle celle dell'aula bunker, erano stati condannati a 5 anni e 6 mesi in primo grado. La stessa pena era stata inflitta dalla seconda corte d'assise di Roma a Bruno Di Giovannangelo, mentre Paolo Broccatelli e Federica Saraceni erano stati condannati rispettivamente a 9 anni e 4 anni e 8 mesi di reclusione, oltre che assolti dall'accusa di aver partecipato all'omicidio D'Antona.

Sullo stesso argomento

News in archivio

La brigatista era già stata arrestata per reati di banda armata e associazione eversiva
Appello per l'omicidio D'Antona. Saraceni condannata a 21 an
La Corte d'Assise dispone per la donna anche la decadenza della potestà genitoriale
su La Repubblica del 04/04/2008
L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Le brigatiste rosse, in primo grado, avevano avuto condanne maggiori. Il procuratore Marini: "Una diminuzione eccessiva"
Omicidio D'Antona, in appello pene ridotte per Banelli e Proietti
su La Repubblica del 28/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0