Da Gazzetta del Sud del 11/03/2005

Gazzetta del Sud

Negati i domiciliari alla Banelli

Per il Gup esiste il pericolo di reiterazione del reato

ROMA – Nessuno sconto e nessun privilegio, come aveva chiesto l'accusa, per la prima pentita delle nuove Br, Cinzia Banelli, la «compagna So», condannata il primo marzo a 20 anni di carcere per il suo ruolo nell'omicidio di Massimo D'Antona. Luisanna Figliolia, lo stesso Gup che aveva emesso la dura condanna – la Procura aveva chiesto una pena di soli 14 anni – ha spiegato nelle sue motivazioni, rese pubbliche ieri, di aver respinto la richiesta di arresti domiciliari perché esiste «il pericolo di reiterazione del reato». E proprio sulla base di questa decisione al ministero dell'Interno, sempre nella giornata di ieri, è stato stabilito di rifiutare alla brigatista pentita l'ammissione al programma di protezione. La mancata concessione degli arresti domiciliari è la conferma che il giudice ritiene di non riconoscere alla brigatista lo status di collaboratrice degli inquirenti, rendendo così ancora più clamoroso il contrasto con i pm Franco Ionta e Pietro Saviotti per i quali la Banelli meritava invece di beneficiare dello sconto di pena previsto dalla legge per i collaboratori di giustizia visto che aveva aiutato gli inquirenti a decrittare l'archivio informatico delle nuove Br svelando password e files. Per il giudice le dichiarazioni della brigatista non sono state decisive per l'individuazione o la cattura di complici. Le motivazioni del Gup contro la «compagna So», rinchiusa nel carcere di Sollicciano con il suo bambino di pochi mesi, non sono ovviamente condivise dai pubblici ministeri che sono pronti ad impugnare la decisione. Utilizzando i due pesi e le due misure sul peso delle dichiarazioni della «compagna So», la Corte d'Assise presieduta dal giudice Mario Lucio D'Andria ha rimesso ieri in libertà i fratelli Maurizio e Fabio Viscido, imputati per banda armata nel processo sulle nuove Br e che si trovavano agli arresti domiciliari. La stessa Corte d'Assise ha deciso gli arresti domiciliari per Roberto Badel, il presunto cervello informatico delle nuove Br. (Marco Sassano)

Sullo stesso argomento

News in archivio

La brigatista era già stata arrestata per reati di banda armata e associazione eversiva
Appello per l'omicidio D'Antona. Saraceni condannata a 21 an
La Corte d'Assise dispone per la donna anche la decadenza della potestà genitoriale
su La Repubblica del 04/04/2008
L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Le brigatiste rosse, in primo grado, avevano avuto condanne maggiori. Il procuratore Marini: "Una diminuzione eccessiva"
Omicidio D'Antona, in appello pene ridotte per Banelli e Proietti
su La Repubblica del 28/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0