Da Reuters del 03/07/2006

Amato: prima minaccia 'ndrangheta e camorra, non terroristi

La principale minaccia alla sicurezza dell'Italia non è il terrorismo islamico, né la mafia o la Brigate rosse, ma la 'ndrangheta e la camorra. Lo ha detto oggi il ministro dell'Interno Giuliano Amato.

Gli investigatori italiani hanno inferto durissimi colpi sia a Cosa nostra che all'organizzazione brigatista, ha spiegato il responsabile del Viminale in un'intervista a Reuters, mentre il terrorismo internazionale sembra essersi concentrato sull'Iraq. "Forse l'Europa è ora una sorta di backstage, di dietro le quinte", ha detto il ministro, parlando in inglese.

Dunque la camorra campana e la 'ndrangheta calabrese sono ai vertici di un'ipotetica classifica delle maggiori minacce alla sicurezza del Paese.

"Se dovessi fare una lista dei rischi in Italia, metterei in testa 'ndrangheta e camorra, le Brigate rosse alla fine e le attività terroristiche internazionali in mezzo", ha detto Amato.

Il 10 aprile scorso, dopo una lunghissima indagine, la polizia ha catturato Bernardo Provenzano, il "capo dei capi" della Mafia siciliana, poi nei giorni scorsi ha arrestato 45 persone che secondo gli investigatori gli avrebbero consentito di restare in latitanza per oltre 40 anni.

"Al momento, (la Mafia) è stata disarmata - ha detto Amato - posso dire (però) che considero sia la 'ndrangheta calabrese che la camorra campana due pericolosi nemici".

"IL TEATRO PRINCIPALE E' L'IRAQ"

Amato, al Viminale da meno di due mesi, ha detto che l'Italia è in allerta dagli attacchi terroristici che hanno colpito Madrid e Londra, ma ha aggiunto che "al momento non vediamo nulla che sembri portare davvero a un attacco".

L'Italia, che ritirerà le proprie truppe dall'Iraq entro l'autunno, resta vulnerabile né più né meno della Francia, che pure non ha inviato truppe nel Paese arabo, ha affermato il ministro.

"Ora il teatro principale è davvero l'Iraq, perché attrae molti terroristi", ha detto Amato, secondo cui la morte di Abu Musab al-Zarqawi, ucciso in Iraq da un attacco aereo Usa ai primi di giugno, non ha dato vita a un flusso di simpatizzanti dall'Italia all'Iraq.

Agli investigatori italiani risulta che solo 10 persone hanno lasciato il paese per recarsi in Iraq, e che tre di esse vi sono morte, ha detto Amato.

E l'Italia, che rispetto a Francia e Gran Bretagna ha un minor numero di immigrati, non deve neanche far fronte a una generazione di giovani arabi scontenti che vivono in periferie dove regna la segregazione, ha aggiunto il capo del Viminale.

Le nuove Brigate Rosse non erano affatto sconfitte quando i suoi leader sono stati arrestati, a partire dal 2003, ma per Amato gli estremisti rimasti in libertà "hanno una potenzialità molto limitata", e le due persone più pericolose del movimento armato sono "sotto controllo" in Italia del Nord.

E' un messaggio rassicurante sulla sicurezza, quello del ministro? "Direi che è rassicurante - ha risposto Amato - il che ovviamente non esclude che qualcosa possa accadere...ma le condizioni attuali sono migliori che in passato".

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

XIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie
Oltre centomila da tutta Italia per ricordare e rinnovare l'impegno
di AA.VV. su Libera del 23/03/2008
Una partita ancora aperta
Articolo di Giuseppe D'Avanzo sul Corriere della Sera del 06/11/2007
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 06/11/2007

News in archivio

Clima incandescente a Milano: sedici gli imputati, i giovani del "Gramigna" di Padova a fare da claque. Il giuslavorista e "Libero" chiedono di poter essere parte civile
Slogan, urla, attacchi a Ichino. Al via il processo alle nuove Br
Il pm Boccassini chiede che alcuni imputati vengano allontanati dall'aula. Dopo le minacce al candidato Pd: "Gli operai muoiono per le tue leggi"
su La Repubblica del 27/03/2008
Blitz della polizia in una villetta vicino Palermo. In manette anche Sandro Lo Piccolo. Erano in una riunione con altri quattro boss. "Dopo Provenzano capo di Cosa Nostra"
Mafia, arrestato Salvatore Lo Piccolo. Un nuovo pentito decisivo per le indagini
Francesco Franzese ex uomo di fiducia del padrino. Il figlio urla: "Ti amo pap". Era latitante dal 1983. Prodi: "Un successo dello Stato e di tutti i cittadini onesti"
su La Repubblica del 05/11/2007
Gli sconcertanti dati della Confesercenti sugli affari criminali. "La 'Mafia 'Spa l'industria italiana che risulta pi produttiva"
"La mafia? E' la prima azienda italiana". Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno
su La Repubblica del 21/10/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0