Da mondoacolori.org del 13/07/2006

LibertÓ.it

Eversione - Dieci arresti in Sardegna

I gruppi eversivi agivano sull'isola dal 2002

CAGLIARI - Dieci persone arrestate e altre 44 indagate per associazione con finalità eversive, ritenute responsabili di una trentina di attentati compiuti negli ultimi anni in Sardegna. A sgominare questa frangia del terrorismo isolano, e in particolare a identificare gli aderenti a due sigle, Oir e Npc, cioè Organizzazione Indipendentista Rivoluzionaria, e Nuclei Proletari per il Comunismo, sono stati gli agenti della Digos, al termine di una vasta operazione coordinata dalla Procura distrettuale di Cagliari e dalla direzione centrale della polizia di prevenzione. Una centrale terroristica, che aveva base a Sassari e legami con Nuoro. Ieri sono scattate le manette e decine di perquisizioni che hanno portato al sequestro di molto materiale, compresi documenti inediti. I dieci finiti in manette sono tutte persone apparentemente insospettabili e, soprattutto, di diverse fasce sociali.
Le sigle Oir e Npc avevano fatto la loro prima comparsa a Nuoro, nel settembre 2002, compiendo contemporaneamente due attentati dinamitardi ai danni dell'Associazione industriali e dell'ufficio territoriale del governo. Negli ultimi quattro anni hanno rivendicato oltre 30 attentati dinamitardi e incendiari compiuti in Sardegna ai danni di sedi sindacali, economiche, politiche e istituzionali. Le modalità sono simili in tutti gli episodi:un tubo metallico con dentro una sostanza esplosiva tipo gelatina innescata con miccia. Tra le iniziative più eclatanti, il collocamento di un ordigno esplosivo a Porto Rotondo nell'agosto 2004, durante la presenza dell'allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e del premier inglese Tony Blair, per quella che venne definita la "campagna d'estate" contro il "paradiso delle vacanze".
Alle due organizzazioni sono riconducibili anche diversi attentati compiuti nei confronti delle abitazioni e degli uffici di alcuni parlamentari sardi; più recentemente le due sigle avevano rivendicato gli attentati dinamitardi ai danni del tribunale di Oristano, della sede Cisl di Nuoro e della caserma della brigata Sassari.
Le indagini effettuate dalle Digos della Sardegna hanno evidenziato gli stretti collegamenti fra i settori più radicali dell'indipendentismo e del marxismo-leninismo sardo e il coinvolgimento di alcuni indagati in tentativi di autofinanziare l'attività dell'organizzazione attraverso rapine.
L'avvio operativo dei gruppi terroristici sarebbe avvenuto nel 2000, proprio quando venne messa a segno una rapina a Luras che servì, secondo gli inquirenti, al finanziamento di Oir e Npc. Anche se gli aderenti alle due sigle sono connotati da idee simili ma parallele: gli adepti nell'Npc erano maggiormente legati a temi marxisti-leninisti, mentre quelli aderenti all'Oir avrebbero caratteristiche vicino alla linea indipendentista. «L' operazione di oggi in Sardegna - ha commentato il ministro dell'Interno, Giuliano Amato - è importante perché ha permesso di metterci finalmente al sicuro nei confronti di questa criminalità eversiva di minore impatto rispetto alle brigate rosse, ma che, tuttavia, era venuta seminando piccoli episodi in questi anni».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Lettera aperta dal segretario del Prc: errore quel no all'aula per suo marito
źSignora Biagi, le chiedo scusa╗
Non avrei mai pensato di scrivere queste parole
di Tiziano Loreti su Corriere della Sera del 09/02/2007
Il pg di Roma chiede incostituzionalitÓ della norma e stralcio
Legge Pecorella: Br, rischio proscioglimento
Ben 14 brigatisti, accusati dell'omicidio D'Antona e assolti in primo grado, potrebbero non essere pi¨ processati
di AA.VV. su Corriere della Sera del 03/05/2006
La conferma nei file della Banelli: l┤arma Ŕ la firma delle Br
Una Walther uccise D┤Antona e Biagi
La procura di Firenze: "Portare a Roma il processo per le rapine agli uffici postali"
di Claudia Fusani su La Repubblica del 14/10/2004

News in archivio

Clima incandescente a Milano: sedici gli imputati, i giovani del "Gramigna" di Padova a fare da claque. Il giuslavorista e "Libero" chiedono di poter essere parte civile
Slogan, urla, attacchi a Ichino. Al via il processo alle nuove Br
Il pm Boccassini chiede che alcuni imputati vengano allontanati dall'aula. Dopo le minacce al candidato Pd: "Gli operai muoiono per le tue leggi"
su La Repubblica del 27/03/2008
su Corriere della Sera del 09/02/2007
 
Cos'´┐Ż Archivio900?
´┐ŻIo so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt´┐Ż ´┐Ż una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)´┐Ż... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0