Da Adnkronos del 26/05/2005

Banelli, il Gip di Roma si oppone al trasferimento in una località segreta

Scarcerata da Sollicciano il 20 maggio scorso, la prima pentita delle nuove Br continuerà a vivere agli arresti domiciliari nella sua villetta di Vecchiano, vicino Pisa
Cinzia Banelli, la prima pentita delle nuove Brigate Rosse, non può essere trasferita in una località protetta. Il giudice delle indagini preliminari di Roma, Luisanna Figliolia, non ha infatti concesso l'autorizzazione al trasferimento dell'ex terrorista dagli arresti domiciliari dove si trova da qualche tempo a un luogo segreto che fornisca maggior sicurezza per la sua custodia. La Procura di Roma aveva dato parere favorevole, ma secondo il magistrato, allo stato non sussistono i presupposti per raccogliere l'istanza.

Alle 19.22 di venerdì 20 maggio la 'compagna So' ha lasciato il carcere di Sollicciano di Firenze dopo l'ottenimento degli arresti domiciliari. A bordo di un'auto del Gom (il Nucleo speciale di protezione della polizia penitenziaria) assieme al figlio Filippo, nato il 5 marzo 2004 in un ospedale fiorentino, aveva raggiunto la sua villetta di Pisa. Pantaloni di lino chiari e maglietta maculata, il piccolo Filippo in braccio, questa l'ultima immagine nota di Cinzia Banelli, 42 anni, arrestata il 24 ottobre 2004, e condannata, con rito abbreviato, per gli omicidi di Marco Biagi e Massimo D'Antona.

Uscendo da Sollicciano, l'ex br ha abbandonato nel carcere tutte le cose che le avevano inviato dall'esterno per il piccolo Filippo. Materiale che è andato ad altre madri detenute con i loro piccoli. La Banelli continuerà quindi a vivere nella sua villetta di Vecchiano, fuori Pisa, protetta da un cordone di forze dell'ordine che finora ha sempre impedito ogni contatto con la ex terrorista. La casa, dove fu arrestata, fu acquistata dal padre dopo una vincita all'Enalotto. La strada di accesso alla casa è stata chiusa da alcune automobili dei carabinieri e resa inaccessibile. La Banelli non è mai uscita e nessun familiare è andato a trovarla.

Sullo stesso argomento

News in archivio

La brigatista era già stata arrestata per reati di banda armata e associazione eversiva
Appello per l'omicidio D'Antona. Saraceni condannata a 21 an
La Corte d'Assise dispone per la donna anche la decadenza della potestà genitoriale
su La Repubblica del 04/04/2008
L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Le brigatiste rosse, in primo grado, avevano avuto condanne maggiori. Il procuratore Marini: "Una diminuzione eccessiva"
Omicidio D'Antona, in appello pene ridotte per Banelli e Proietti
su La Repubblica del 28/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0