Da La Repubblica del 30/05/2005

Bologna, chiesti quattro ergastoli per l'omicidio di Marco Biagi

L'accusa: carcere a vita per Lioce, Morandi, Mezzasalma e Blefari. Ventiquattro anni a Boccaccini. Requisitoria di oltre cinque ore

E il Pm Giovagnoli, amico della vittima, alla fine si commuove
Il legale di parte civile chiede 8,5 milioni di euro di risarcimento
BOLOGNA - Quattro ergastoli e una condanna a 24 anni. Queste le richieste dell'accusa per l'omicidio del professor Marco Biagi, avvenuto il 19 marzo 2002 nel capoluogo emiliano. Sono state formulate dal pm di Bologna Paolo Giovagnoli davanti alla Corte d'assise presieduta dal giudice Libero Mancuso, dopo una requisitoria durata cinque ore e un quarto.

L'accusa ha quindi chiesto il carcere a vita per Nadia Desdemona Lioce, Roberto Morandi, Marco Mezzasalma e Diana Blefari Melazzi, 24 anni di reclusione per Simone Boccaccini. C'è anche una richiesta di risarcimento di 8,5 milioni di euro, fatta dal legale di parte civile Guido Magnisi. Nel suo intervento l'avvocato che tutela la famiglia di Marco Biagi ha sottolineato la "dedizione verso lo stato" del professore, che non ha ricevuto "il dovuto riconoscimento" e "la tragicità della vicenda".

Secondo il legale di parte civile la storia drammatica che si conclude con l'assassinio "comincia ben prima dell'uccisione e che rende la misura del senso di abbandono, tale che il marito pochi giorni prima di essere ucciso diceva alla moglie "sento che stanno arrivando" e pertanto giustificano un risarcimento del danno morale in misura particolarmente elevata".

Nell'ultima parte della requisitoria - scritta in 93 pagine - Giovagnoli, che conosceva bene Marco Biagi, si è visibilmente commosso e ha pronunciato parole con la voce rotta dall'emozione. Alla fine è stato abbracciato dal procuratore capo Enrico Di Nicola, al suo fianco per tutta la requisitoria.

"Non vi è alcun elemento da tener in conto secondo l'ordinamento per non applicare la pena dell'ergastolo prevista dalla legge a tutti gli imputati - ha detto Giovagnoli chiudendo la requisitoria - a esclusione di Simone Boccaccini, la cui partecipazione al delitto è stata minore, perché egli per paura, per minore convinzione nelle proprie idee rispetto agli altri, per debolezza, non ha voluto partecipare attivamente alla realizzazione dell'omicidio".

Il Pm ha poi continuato: "In queste decisioni conta il risultato, non i motivi con i quali le si spiega". "Egli non ha voluto partecipare attivamente all'omicidio - ha detto ancora riferendosi sempre a Boccaccini - non ha abbandonato i complici, ha concorso sino alla fine con loro andando a fare da autista a Morandi che tornava dall'omicidio ma non ha voluto un ruolo nell'esecuzione". E allora: "Per questo chiedo per lui l'applicazione delle attenuanti generiche, per adeguare maggiormente la pena al fatto delittuoso commesso e ai sensi dell'articolo 65, comma 1 numero 2 codice penale chiedo la condanna alla pena di anni 24".

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Bologna ricorda Biagi, cerimonie separate
Prima l'omaggio di Cofferati, poi quello di Boselli e Bonino. Prodi alla messa voluta dagli amici
di Vittorio Monti su Corriere della Sera del 20/03/2006
Br, scontro sulla protezione della Banelli
Niente programma per la pentita: la Procura insiste con il Viminale
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 24/10/2005
Parla l’ex terrorista Cinzia Banelli: «Un giorno le Br potrebbero tornare»
«Il mio ultimo esame sui libri di Biagi quattro giorni prima di essere arrestata»
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 23/10/2005

News in archivio

L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Emesso il verdetto contro i brigatisti accusati dell'assassinio del giuslavorista
Omicidio Biagi, la sentenza di appello. Quattro ergastoli, ridotta la pena a Boccaccini
Ridotta la pena ad un complice. La vedova: "Riconosciuta la giustizia"
su La Repubblica del 06/12/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0