Da mondoacolori.org del 06/06/2005

Strettoindispensabile.it

Delitti e misteri: l’omicidio Burrafato, vittima della mafia, ventitrè anni dopo

PALERMO - Un delitto dimenticato: quello del vicebrigadiere degli agenti di custodia del carcere dei Cavallacci di Termini Imerese, Antonino Burrafato. Dopo ben venti anni dal suo assassinio la magistratura si è pronunciata su quel delitto, lo scorso giugno del 2002.
Il vicebrigadiere Antonino Burrafato fu eliminato dalla mafia.
Rimane un eroe senza volto: fuori dalla memoria…
News presente nelle categorie:
Storia del crimine organizzato in Italia1. Mafia
Per essere annoverato e celebrato tra le vittime di mafia eccellenti per il Vicebrigadiere Antonino Burrafato non c’era stato spazio: forse neppure voglia, ne’ tantomeno interesse.
Di lui e della sua morte si erano a suo tempo occupati ben pochi: venti anni fa, il 29 giugno del 1982, il Vicebrigadiere degli agenti di custodia in servizio al carcere dei Cavallacci di Termini Imerese, fu freddato da un sicario con un colpo di pistola mentre si recava a lavoro.
Burrafato aveva 49 anni, un passato assolutamente cristallino ed una famiglia: che non si e’ data pace.
Non se ne e’ data al punto da riuscire a costituirsi parte civile nei confronti di alcuni boss di prima grandezza, nel corso dell’udienza preliminare del processo che si sarebbe celebrato contro boss del rango di Leoluca Bagarella, Salvatore Cucuzza, Giuseppe Lucchese ed Antonio Marchese.
Tutto cio’ accade nel 2001, quando uno dei collaboratori della giustizia tira il ballo il nome del vicebrigadiere dimenticato dicendo che era stata cosa nostra a decidere della sua morte: il nome del suo killer risponde a quello di Salvatore Cucuzza, che per l’omicidio del vicebrigadiere e’ stato condannato a tredici anni e quattro mesi di reclusione.
La morte di Burrafato si colloca in un momento storico di grande tensione sociale: e’ in atto una delle piu’ sanguinose guerre di mafia ed i morti si contano ormai a decine.
La mafia cerca nuovi assetti, i ruoli devono essere attribuiti e si combatte senza esclusione di colpi una guerra senza quartiere: ma i mafiosi preda di mire egemoniche non si ammazzavano soltanto tra di loro: miravano piu’ in alto.
Erano i giorni della Prefettura del Generale dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa: di quei famosi ” cento giorni” scanditi con ossessiva precisione da almeno un morto ammazzato al giorno; fino all’omicidio ultimo, quello che chiudeva il cerchio e chiudeva i conti, arrvando al ” cento”; e cioe’ l’assassinio dello stesso prefetto Dalla Chiesa, crivellato di colpi insieme alla moglie Emanuela Setti Carraro all’interno della piccola Autobianchi A112 di ritorno da una cena a Mondello: era la sera del 3 settembre del 1982.
Il Prefetto che aveva ricevuto pieni poteri era ormai fuori gioco: la mattanza era finita, e per la mafia sarebbe stato piu’ facile riorganizzarsi.
Quell’ulteriore omicidio getto’ una citta’ nel panico e nella costernazione: seguiva a pochi mesi un altro omicidio eccellente, quello del segretario nazionale del PCI Pio La Torre, eliminato il 30 di aprile dello stesso anno di fuoco.
Ma Burrafato non era ne’ prefetto ne’ uomo di partito: non era neanche un mafioso, che se lo fosse stato la sua morte avrebbe fatto notizia piu’ di quanta non ne fece invece la morte di un uomo onesto, di un lavoratore senza ombre nella vita.
Tutte le attenzioni, i riflettori e le capacita’ investigative erano rivolte altrove : per gli ” anonimi” servitori dello Stato neanche una commemorazione, ne’ una menzione.
Ma non doveva essere questa la sorte di Antonino Burrafato : e a far si che a quell’uomo venisse riconosciuto lo status di vittima della mafia ci ha pensato per anni ed anni il figlio Salvatore, confortato nel ricordo e nel dolore da mamma Domenica - vedova del vicebrigadiere - e dallo zio Giuseppe, fratello di papa’ Antonino.
Fino alla costituzione di parte civile al processo contro il sicario del congiunto.
Ma Salvatore Burrafato in questa sua legittima e disperata ricerca di giustizia non e’ stato da solo : Vincenzo Bonadonna - un cronista di giudiziaria di primo piano nel panorama palermitano nonche’ ultimo direttore del quotidiano L’Ora - non si e’ mai dato per vinto.
Ha fatto ricerche, ha ascoltato,sentito, indagato per come un giornalista puo’ indagare: facendo quante piu’ domande sia possibile. Bonadonna sull’argomento ha anche scritto un libro.

Ho intervistato Salvatore Burrafato, tre anni fa: vi ripropongo oggi quell’intervista così pregna di amarezza e di rimpianto. Vi dico anche che in tre anni non è cambiato niente: quell’uomo probo morto per servire il suo Stato, è fuori dalla memoria di tutti. Di lui non parla nessuno: nessuna stele, nessuna insegna. Un eroe destinato all’oblio che io qui voglio rievocare perchè lo ritengo non soltanto giusto, ma doveroso.


Alessandra Verzera

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

XIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie
Oltre centomila da tutta Italia per ricordare e rinnovare l'impegno
di AA.VV. su Libera del 23/03/2008
Una partita ancora aperta
Articolo di Giuseppe D'Avanzo sul Corriere della Sera del 06/11/2007
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 06/11/2007

News in archivio

Blitz della polizia in una villetta vicino Palermo. In manette anche Sandro Lo Piccolo. Erano in una riunione con altri quattro boss. "Dopo Provenzano è capo di Cosa Nostra"
Mafia, arrestato Salvatore Lo Piccolo. Un nuovo pentito decisivo per le indagini
Francesco Franzese ex uomo di fiducia del padrino. Il figlio urla: "Ti amo papà". Era latitante dal 1983. Prodi: "Un successo dello Stato e di tutti i cittadini onesti"
su La Repubblica del 05/11/2007
Gli sconcertanti dati della Confesercenti sugli affari criminali. "La 'Mafia 'Spa è l'industria italiana che risulta più produttiva"
"La mafia? E' la prima azienda italiana". Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno
su La Repubblica del 21/10/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0