Da Vita No Profit del 03/08/2005

Somalia: missione Onu a Mogadiscio

Il rappresentante speciale Onu in Somalia per porre fine alle spaccature interne del nuovo regime

Missione del rappresentante speciale dell'Onu per la Somalia Francois Lonseny Fall oggi a Mogadiscio con l'obiettivo di ricucire lo strappo grave creatosi all'interno del governo federale di unita' nazionale all'inizio dell'anno, a pochi mesi dal suo faticoso varo.

In tal senso Fall ha avuto una serie di colloqui con i principali rappresentanti del gruppo che siede, appunto, a Mogadiscio in contrapposizione con quanti -presidente Abdullahi Yusuf e premier Ali Gedi- hanno eletto capitale provvisoria a Jowhar, circa 90 km. a nord, in attesa che a Mogadiscio si realizzino condizioni di sicurezza. Tra gli interlocutori odierni, il presidente del parlamento Sharif Hassan Scheikh Aden: con lui, a suo dire, a Mogadiscio si trovano circa 100 deputati. Che ha, tra l'altro, dichiarato: ''Si tratta di un governo di riconciliazione, e noi tutti ne abbiamo accettato la responsabilita', e ne condividiamo i fini: ma non e' realistico ignorare le divisioni''.

Poi numerosi importanti 'signori della guerra' della capitale, che sono anche ministri, e di peso, dell'esecutivo nazionale, anche se di fatto hanno rotto con Gedi ed Yusuf. Per loro, e' fuori discussione che la capitale possa essere, seppur provvisoriamente, altra che Mogadiscio. Affermano, inoltre, che la citta' e' sicura. In realta', notano gli osservatori, la controllano completamente dal punto militare, come i lucrosi traffici che vi transitano, e quindi per il governo andare li' ora sarebbe molto poco sicuro: se non fisicamente (comunque variabile non secondaria), politicamente. Fall era stato lunedi' scorso anche a Jowhar, dove aveva incontrato Gedi.

Che aveva affermato che ''il governo e' in grado di affrontare e risolvere i problemi minori con cui si confronta, istigati da personalita' ben precise''. Lo stesso premier, in un'intervista con l'Ansa lo scorso mese, aveva dichiarato che i signori della guerra che siedono -in rottura col governo, di cui pur sono ancora formalmente ministri- a Mogadiscio hanno concluso un patto con i fondamentalisti islamici della capitale per mantenerne il controllo. Infine, gli spiragli di riconciliazione tra le due anime del governo sembrano scarsi, anche se la mediazione continua senza sosta, spesso sotto traccia. Ma il perdurare della rottura potrebbe avere conseguenze rovinose per la Somalia, peraltro in completa, sanguinosa deriva anarchica dal '91.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Rieplode la guerra civile in Somalia
La battaglia di Mogadiscio
di Luciano Scalettari su Famiglia cristiana del 14/04/2007
Pena di morte, da Addis Abeba il premier spinge per la moratoria
L'Italia all'Unione Africana: «Siamo pronti a ospitare un summit sulla Somalia»
Prodi: nei negoziati anche i moderati delle Corti islamiche
di Francesco Alberti su Corriere della Sera del 30/01/2007
La drammatica avventura dell'inviato del Corriere in Somalia
«Le mie ore di terrore in mano ai miliziani»
Massimo Alberizzi arrestato e portato all'aeroporto di Mogadiscio. «Il luogo ideale per un'esecuzione». L'interrogatorio e il rilascio
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2023
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0