Da News Italia Press del 26/01/2005

In clandestinitÓ due terroristi italiani?

Si tratterebbe di Giuseppe Maj e Giuseppe Czeppel

Parigi - A quattro mesi dalla fuga di Cesare Battisti, due presunti terroristi italiani in Francia sono entrati in clandestinità. Si tratterebbe di Giuseppe Maj, 65 anni, fondatore dei Carc (Comitato di appoggio alla resistenza per il comunismo), e Giuseppe Czeppel, 44, membri di una Commissione Preparatoria (CP) del congresso di fondazione del (nuovo) Partito comunista italiano.

Erano stati arrestati a Parigi il 23 giugno 2003 per "associazione per delinquere con scopi terroristici e possesso di documenti falsi" e il 13 dicembre scorso avevano annunciato che avrebbero "abbandonato la residenza obbligata per riprendere il lavoro negli organi centrali del partito". I due sono sospettati dalla Procura di Napoli di far parte di una nuova "associazione sovversiva", dopo la scoperta di un documento in cui il nuovo Partito comunista progettava "atti e violenze per sovvertire l'ordine democratico ".

Editore milanese, laureato in ingegneria, Giuseppe Maj si è reso irreperibile nel maggio del 1999, poco dopo l'assassinio di Massimo D'Antona. Il 19 ottobre dello stesso anno, durante perquisizioni nei confronti di persone ritenute vicine ai Carc, gli investigatori hanno trovato un documento attribuito a Maj che criticava le Brigate Rosse per i tempi e i modi dell'uccisione di Massimo D'Antona, consulente del Ministero del Lavoro.

Già nel 1989 Maj era finito sotto inchiesta a Milano: i pm Ferdinando Pomarici e Armando Spataro fanno perquisire la sua casa editrice e il centro di documentazione "Filorosso", ritenuti al centro di attività eversive. L'inchiesta era nata dal ritrovamento in Francia, in un covo di "Action Directe", di un documento redatto da un militante della Raf in cui si parlava di incontri a Milano con persone dell'ambiente del "Bollettino".

Sullo stesso argomento

News in archivio

La brigatista era giÓ stata arrestata per reati di banda armata e associazione eversiva
Appello per l'omicidio D'Antona. Saraceni condannata a 21 an
La Corte d'Assise dispone per la donna anche la decadenza della potestÓ genitoriale
su La Repubblica del 04/04/2008
L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: Ŕ lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Le brigatiste rosse, in primo grado, avevano avuto condanne maggiori. Il procuratore Marini: "Una diminuzione eccessiva"
Omicidio D'Antona, in appello pene ridotte per Banelli e Proietti
su La Repubblica del 28/06/2006
 
Cos'´┐Ż Archivio900?
´┐ŻIo so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt´┐Ż ´┐Ż una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)´┐Ż... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0