Da Ansa del 23/10/2005

TERRORISMO: LA PENTITA BANELLI, UN GIORNO LE BR POTREBBERO TORNARE

''Non ho mai pensato di fare la rivoluzione, ma di riproporre il patrimonio politico-teorico delle Br, la strategia della lotta armata a prescindere da una lotta di classe diffusa. Penso che un giorno le Br potrebbero tornare. Non oggi ne' domani, ma un giorno... E' possibile''. Lo afferma in un lungo colloquio con il ''Corriere della Sera'' Cinzia Banelli, ex Br pentita, condannata a 20 anni per il delitto D'Antona e a 16 per il delitto Biagi.
Ora vive ai domiciliari con la sua famiglia e per la prima volta racconta la storia delle nuove Brigate Rosse fuori da un'aula di giustizia

A cominciare da quando, all'universita' di Siena, il 20 ottobre 2003, quattro giorni prima dell'arresto, con in tasca un diploma da tecnico di laboratorio da convertire in laurea di primo livello, Banelli sostenne l'esame scritto in Diritto del lavoro, preparato sui libri del professor Marco Biagi, e rispose a una delle domande sul contenuto della cosiddetta 'legge Biagi' sul lavoro subordinato, la collaborazione coordinata continuativa. ''Sono una traditrice per i miei ex compagni, un'opportunista per l'opinione pubblica e non so che cosa per lo Stato ?dice nell'intervista realizzata tramite il suo avvocato parlando della sua decisione di collaborare con la giustizia? ma rifarei ugualmente questa scelta''.

La vita di Cinzia Banelli e' cambiata una mattina di maggio del 1999, quando prese un treno per Roma e partecipo' all'assassinio di Massimo D'Antona, la prima vittima delle nuove Br.
''Durante il viaggio d'andata pensavo solo a cio' che avrei dovuto fare nell'azione ? racconta l'ex brigatista ? ripetevo le frasi da dire via radio, come dovevo muovermi. C'era una preparazione meticolosa emilitare, senza il tempo per altri pensieri. Ero convinta di andare a compiere un'operazione politica, non un omicidio''.

Massimo D'Antona, consulente del ministro del Lavoro Antonio Bassolino, il 20 maggio 99 mori' ammazzato da sei colpi di pistola.
''Dopo il delitto mi sono allontanata secondo il programma prestabilito -spiega la Banelli- Sul treno del ritorno a casa il peso e la responsabilita' di cio' che avevamo appena fatto si fecero sentire. Io avevo votato per l'eliminazione dell'obiettivo, pur senza aver sparato avevo portato il mio compagno Mario Galesi a farlo. Ebbi la sensazione di aver provocato qualcosa che cambiava non solo la vita di altre persone, ma pure la mia. Per sempre''.

L'ex Br racconta del suo avvicinamento alla politica, alla fine degli anni Ottanta, quando giunse a Pisa da Grosseto: ''Avevo gia' 26 anni e cominciai a frequentare ambienti e discorsi di un certo tipo.
Tutto ancora nell'ambito della legalita', con toni estremisti ma mai violenti. Io non sono mai stata attratta dalla violenza diffusa ne' la violenza diffusa c'entra con la lotta armata''. In quegli ambienti cominciarono a circolare gli scritti dei ''prigionieri politici'' delle Br, gli irriducibili chiusi in carcere. ''Dalla lettura di quei testi s'avvio' un dibattito che poi e' proseguito in ambito piu' ristretto''. Da li' nacquero i Nuclei comunisti combattenti, poi divenuti Brigate rosse con l'omicidio D'Antona.

''Abbiamo ripreso il discorso la' dove s'era interrotto, nel 1988 con l'omicidio Ruffilli, quando gia' quel contesto non c'era piu' ?spiega la Banelli ?. Conta la strategia, che si fa testimonianza: la volonta' di tenere accesa una fiaccola, di dire che c'e' ancora spazio per un'opposizione combattente anche se non arrivera' alla vittoria. Io non ho mai pensato di fare la rivoluzione, ma di riproporre il patrimonio politico-teorico delle Br, la strategia della lotta armata a prescindere di una lotta di classe diffusa''.

Tre anni dopo D'Antona tocco' a Marco Biagi, consulente del ministro del lavoro Maroni. La preparazione del delitto Biagi, ''deciso in un'ultima riunione tenutasi in un American bar di viale dei Mille a Firenze, con i tavolini all'interno'', coinvolse direttamente la Banelli che faceva parte del commando e come sempre aveva il problema di non far sorgere sospetti nei suoi familiari:
''Era la festa del papa' e in quell'occasione telefonavo sempre a mio padre. Lo feci anche quel giorno, da Porretta Terme, altrimenti si sarebbe chiesto come mai non gli avevo fatto gli auguri. Poi pensai che stavo uccidendo un padre... Ti senti un verme, ma l'idea che lo fai per un fine che consideri piu' alto ti porta a superare anche questo... Purtroppo e' cosi'. Solo al di fuori del progetto brigatista la vita umana riacquista il suo valore''.

Sullo stesso argomento

News in archivio

La brigatista era già stata arrestata per reati di banda armata e associazione eversiva
Appello per l'omicidio D'Antona. Saraceni condannata a 21 an
La Corte d'Assise dispone per la donna anche la decadenza della potestà genitoriale
su La Repubblica del 04/04/2008
L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Le brigatiste rosse, in primo grado, avevano avuto condanne maggiori. Il procuratore Marini: "Una diminuzione eccessiva"
Omicidio D'Antona, in appello pene ridotte per Banelli e Proietti
su La Repubblica del 28/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0