Da Il Resto del Carlino del 30/03/2006

Strage di Bologna: Ciavardini: 'Incastrato da Izzo'

Parla l'ex Nar, in attesa della sentenza della Cassazione sulla condanna a 30 anni: 'Un castello di falsità su una ipotesi del mostro del Circeo'

Bologna, 19 marzo 2006 - È pronto ad accettare «con serenità» un'eventuale condanna ma non intende rinunciare alla battaglia per avere «un futuro».
Soprattutto, lui, incastrato dal massacratore del Circeo Angelo Izzo e da un alibi «ingombrante» condiviso con Francesca Mambro e Giusva Fioravanti, non vuole rassegnarsi alla definitiva «ufficializzazione» di una «falsa verità su uno degli episodi più bui della storia italiana», la strage di Bologna.

Così si sente Luigi Ciavardini (nella foto), 43 anni, 18 dei quali trascorsi tra carcere e semilibertà. Ha saldato i suoi debiti con la giustizia, ha pagato anche per un delitto per cui si dichiara innocente, l'omicidio del giudice Mario Amato, «ma non importa - dice all'ADNKRONOS -, va bene così, non ho rancori, nè rimpianti. Con il passato ho chiuso i conti. Mi interessa solo il futuro».

Un futuro che oggi, però, a 26 anni dalla strage di Bologna, è ancora sotto ipoteca. Per quell'eccidio, infatti, Ciavardini è stato condannato in appello a 30 anni di carcere, una sentenza sulla quale deve ancora pronunciarsi la Corte di Cassazione.

A 17 anni rimane implicato nell'omicidio del poliziotto Franco Evangelisti. È il 28 maggio 1980 quando 'Serpico' viene ucciso dai Nar davanti al liceo 'Giulio Cesare' di Roma e per Ciavardini, che nell'azione rimane ferito allo zigomo sinistro, inizia ufficialmente la latitanza.
Meno di un mese dopo, il 23 giugno 1980, i Nar fredderanno un altro uomo dello Stato, il giudice Mario Amato. Un delitto al quale Ciavardini ha sempre negato di avere partecipato, ma per il quale verrà condannato a 10 anni di carcere.

Due mesi dopo, il 2 agosto 1980, una bomba esplode alla stazione di Bologna causando 85 morti e 200 feriti. Bastano pochi giorni perché gli investigatori indirizzino le indagini con sempre maggiore convinzione verso l'ipotesi di una strage fascista. E dunque attribuibile ai Nar, il gruppo in quel momento più attivo.
Ciavardini viene catturato il 4 ottobre del 1980 a Roma insieme all'amico Nanni De Angelis, che morirà in carcere quella stessa notte.

Dopo una richiesta di archiviazione da parte dello stesso pm che lo aveva perseguito per l'omicidio Amato e un'assoluzione in primo grado, Ciavardini, condannato in appello con una sentenza che sarà però annullata con rinvio dalla Cassazione, è stato nuovamente condannato in II grado e ora è in attesa di un'altra pronuncia della Suprema Corte.

Per lui è l'ultima chance, ma ci tiene a farsi vedere «assolutamente sereno». Sorride, sgrana gli occhi azzurri, assicura di «non provare rabbia», di «essere solo attonito per l'assurdità di quella sentenza».
Una storia giudiziaria il cui primo tassello è stato messo da Angelo Izzo, uno dei tre massacratori del Circeo che l'anno scorso è tornato in carcere dopo aver commesso un altro delitto a Campobasso, l'omicidio di Maria Carmela Linciano e della figlia, Valentina Maiorano.

Era il 1986, e Izzo che, 'pentitosi' due anni prima aveva già parlato su molti dei grandi misteri italiani, tirò in ballo Ciavardini per la strage di Bologna sulla base di indiscrezioni sentite in carcere. «Io 'deduco' che Ciavardini è coinvolto perché nell'ambiente si parla di 'ragazzini' quali esecutori materiali della strage di Bologna e indiscutibilmente il capofila dei 'ragazzini' della banda Nar-Fioravanti è Luigi Ciavardini», disse ai magistrati.

«Su quell'affermazione, su quella che cioè non era altro che una pura ipotesi formulata da qualcuno che aveva cercato in ogni modo di guadagnarsi uno sconto di pena - afferma Ciavardini - fu costruito un castello di falsità. Senza che mai in tutti questi anni si sia trovata una qualunque prova della mia presenza a Bologna in quei giorni. Non c'è nessun riscontro, nessun testimone diretto. Sono rimasto incastrato da un alibi, che è diventato una condanna perché una condanna con lo stesso alibi c'era già stata», spiega l'ex Nar, facendo riferimento all'elemento che tiene legati a un unico filo rispetto alla strage lui, Francesca Mambro e Giusva Fioravanti, appunto l'alibi comune, quella trasferta del 2 agosto a Padova, insieme a Gilberto Cavallini, che lui aveva confermato a favore della Mambro nel 1983, tre anni prima di rimanere coinvolto nella vicenda.

«Piuttosto che accusarmi di falsa testimonianza, hanno preferito sostenere che siccome loro erano a Bologna e sono stati condannati per questo, anche io dovevo esserci», chiarisce.

Per Ciavardini, dunque, la sua condanna sarebbe «strumentale rispetto all'affermazione di una verità definitiva sull'eccidio». Anche se, manda a dire ai giudici, «assolvermi, visto l'assoluta mancanza di prove nei miei confronti, non cambierebbe proprio nulla, sarebbe solo un atto di giustizia».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
La nuova inchiesta Lo «Sciacallo» tira in ballo i servizi segreti americani. Torna la pista del tedesco Kram
Carlos «assolve» Mambro e Fioravanti
Strage di Bologna, è stato interrogato per la prima volta a Parigi
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 26/04/2009

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
Comunicato stampa: dal libro di Riccardo Bocca rivelazioni sulla strage di Bologna
Fonte: Associazione Familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna
su mondoacolori.org del 28/06/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0