Da mondoacolori.org del 27/06/2007

Navi militari la possibile causa della sciagura del Moby Prince

Scritto da Paolo Cordova per disinformazione.it

Le indagini sulla tragedia del “Moby Prince” potrebbero essere ad un punto di svolta. A distanza di diciassette anni nuovi elementi potrebbero chiarire i contorni di un vicenda che ha causato la morte di 140 persone. Secondo il legale di parte civile, l’avvocato Carlo Palermo, diverse navi militari si trovavano sulla rotta del Moby Prince al momento della sciagura, avvenuta il 10 aprile 1990. Il traghetto, in navigazione sulla rotta Livorno-Olbia, entrò in collisione con la petroliera Agip Abruzzo, poco dopo essere uscito dal porto di Livorno, con un conseguente incendio che bruciò vive 140 persone.

Il difensore di parte civile ha denunciato come nel corso delle indagini diverse sono state le prove mai esaminate, a causa di quel muro di omertà che circonda la vicenda e dei mille risvolti internazionali che hanno spinto a definire la sciagura come l’”Ustica del mare”. Secondo il legale, ben sette navi militari americane più una francese, poco dopo le 22 di quella notte, stavano trasportando un’enorme quantità di materiale bellico, esplosivo compreso, proveniente dalla base americana di Camp Derby. Un trasporto da considerarsi illegale, visto che la legge italiana prevede, in tal caso, l’obbligo di richiedere l’autorizzazione alla prefettura competente. Cosa che non avvenne, visto che la prefettura di Livorno era del tutto all’oscuro di ciò che veniva trasportato quella notte su quella rotta.


Navi fantasma quindi, prive di copertura radar, che avrebbero intralciato la rotta abituale percorsa dalla Moby Prince, nave di 6187 tonnellate, lunga 130 metri e larga 20, capace di trasportare 1.490 passeggeri e 360 veicoli - di proprietà della Navarma, compagnia di navigazione dell'armatore napoletano Vincenzo Onorato. Sarebbe stato proprio tale intralcio a causare la collisione del traghetto con la petroliera italiana Abruzzo. Secondo l’avvocato Palermo, alla luce di questi nuovi elementi, risulta più chiaro il perché le autorità americane si siano sempre rifiutate di consegnare ai magistrati italiani le foto satellitari rilevate quella notte. Ed ecco perché, presumibilmente, i soccorsi furono volutamente ritardati per consentire alle navi militari di allontanarsi dalla zona della tragedia.


Se ciò fosse accertato, la vicenda assumerebbe i contorni di una strage. Dopo anni di inerzia e indagini sbagliate si potrebbe forse arrivare a chiarire la verità su ciò che accadde quella notte del 10 aprile 1990, in cui si consumò il più grande disastro navale avvenuto in acque italiane negli ultimi 100 anni.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Misterioso episodio a Marina di Pisa, che giunge poche settimane dopo la riapertura dell'inchiesta sul disastro del traghetto, che provocò 140 morti. L'uomo picchiato e chiuso nell'auto in fiamme
Moby Prince, aggredito consulente tecnico
L'avvocato Palermo, che assiste alcune famiglie delle vittime: "Segnali preoccupanti che però mostrano che siamo sulla strada giusta". Ma il pm invita a una "grande cautela"
su La Repubblica del 19/11/2007
L'assessre Bertolucci alla cerimonia di Livorno: "La Regione non abbassa la guardia e lavora per la sicurezza in mare".
MOBY PRINCE 16 ANNI DOPO: IMPEGNO PER LA VERITA
Fonte: ViaRoma100.net
su mondoacolori.org del 11/04/2007
su mondoacolori.org del 11/04/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0