Da Ansa del 20/05/2005

Mafia: catturato da CC il presunto capo del clan del Gargano

MAFIA: CATTURATO DA CC IL PRESUNTO CAPO DEL CLAN DEL GARGANO
FOGGIA - E' stato catturato dai carabinieri Francesco Li Bergolis detto 'Ciccillo', ritenuto la 'Primula Rossa' del Gargano: l'operazione e' stata compiuta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia che hanno impiegato elicotteri e unita' cinofile.

Gli investigatori dell' Arma, dopo aver circondato la masseria nella quale il latitante viveva, hanno fatto irruzione e hanno arrestato, oltre a Li Bergolis, due persone accusate di favoreggiamento (il proprietario della masseria situata in una zona impervia tra i comuni di Manfredonia e San Giovanni Rotondo e una donna).

'Ciccillo' e' considerato il capo della mafia dei 'Montanari': secondo gli investigatori, per il suo ''spessore criminale'' e' temuto da tutti e in grado, per questo, di godere di una generalizzata protezione in ogni angolo del Gargano.

ERA RICERCATO DA UN ANNO
Era ricercato da un anno circa Francesco Li Bergolis (spesso indicato anche come Libergolis), ritenuto a capo di un agguerrito clan mafioso del Gargano. Insieme con una trentina di persone (quasi tutti ritenuti capiclan) era riuscito a sfuggire alla cattura il 23 giugno 2004 in un' operazione per l'esecuzione di 123 provvedimenti restrittivi nei confronti di persone ritenute affiliate ai clan mafiosi Romito-Li Bergolis e Ciavarella-Tarantino che negli ultimi anni hanno dettato legge a Cagnano Varano, Manfredonia, Sannicandro Garganico, Monte Sant'Angelo, San Marco in Lamis e San Giovanni Rotondo, con una sanguinosa e spietata faida che in 30 anni ha prodotto oltre una quarantina di omicidi e una cinquantina di ferimenti. Sempre nel giugno 2004, ai clan del Gargano vennero sequestrati beni per 25 milioni di euro: secondo gli inquirenti, il clan Li Bergolis in particolare aveva avviato un' attivita' imprenditoriale per riciclare il danaro ricavato dalle estorsioni e dal traffico di droga. Per questo venne confiscato al capoclan, ormai latitante, 'Ciccillo' Li Bergolis un immobile del valore di 2.5 milioni di euro per il quale era stato anche chiesto il condono edilizio: all'immobile di Francesco Li Bergolis erano stati infatti compiuti lavori di sopraelevazione con i quali era stato possibile costruire 12 appartamenti di circa 100 metri quadrati ciascuno.

Sullo stesso argomento

News in archivio

 
Cos'´┐Ż Archivio900?
´┐ŻIo so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt´┐Ż ´┐Ż una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)´┐Ż... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0