Da La Repubblica del 19/09/2005

Nucleare, la Corea del Nord rinuncia al suo programma

Nel vertice a sei Pyongyang si impegna ad aderire al Trattato di non proliferazione. Migliorano i rapporti con gli Usa

PECHINO - La Corea del Nord si è impegnata ad abbandonare al più presto il suo programma nucleare, a "rinunciare a qualsiasi arma atomica" e a "tornare al momento opportuno" ad aderire al Trattato di non proliferazione. E' quanto si legge nel comunicato congiunto con gli Stati Uniti, diffuso al termine del negoziato a sei (Cina, Russia, Usa, Giappone e le due Coree) sul programma atomico di Pyongyang.

Gli Stati Uniti hanno confermato che non possiedono armi nucleari nella penisola coreana e che non hanno alcuna intenzione di attaccare o invadere la Corea del Nord con armi convenzionali o nucleari.

Così Pyongyang e Washington, principali protagonisti della crisi che si trascina da tre anni, si sono impegnati a "rispettare ciascuno la sovranità dell'altro, a coesistere pacificamente e a intraprendere passi per normalizzare le loro relazioni".

La Corea del Nord intende anche normalizzare i rapporti con il Giappone, che insieme agli Usa è stato fino ad oggi il paese più intransigente nel chiedere l'immediato e totale smantellamento del programma nucleare di Pyongyang. Con la dichiarazione Usa, Giappone e gli altri partecipanti ai colloqui si impegnano inoltre "ad assistere la Corea del Nord nel settore dell'energia".

I sei paesi si sono dati appuntamento per "l'inizio di novembre, in data da definirsi" per una nuova tornata di colloqui. In questa sede si dovranno discutere i dettagli dell' accordo che, afferma la dichiarazione congiunta, è basato sui principi di "un impegno in cambio di un impegno" e "un'azione in cambio di un'azione".

Le "parti interessate", cioè la Corea del Nord e la Corea del Sud, che formalmente sono ancora in guerra discuteranno di come arrivare a una "situazione di pace permanente nella penisola coreana".

Il quarto round dei colloqui a sei si è svolto in due riprese - dal 26 luglio a 6 agosto e poi dal 13 al 19 settembre - a Pechino. In precedenza, si erano svolti altri tre round di discussioni, sempre a Pechino, senza che fossero stati raggiunti risultati di rilievo.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Alla vigilia dell´Assemblea generale naufraga l´accordo su diritti umani e amministrazione
Battaglia sulla riforma dell´Onu a rischio il vertice di New York
di Alberto Flores D'Arcais su La Repubblica del 13/09/2005

News in archivio

28 febbraio 2006, ore 17,30
Presentazione del libro: Padri dell'Europa. Sette brevi ritratti
Palazzo Valentini, via IV novembre, Roma
su mondoacolori.org del 22/02/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0