Da Il Giornale del 16/06/2006

Dietro l’inchiesta c’è il pentito di tutti i misteri

L'inchiesta che ieri ha portato all'arresto del principe Vittorio Emanuele di Savoia è derivata da un altro filone d'indagine, nel quale vi è tra gli indagati principali Massimo Pizza, nome in codice Polifemo, «consulente» arrestato circa un mese fa per una storia di truffe ad imprenditori. Pizza - ora indagato anche nel nuovo filone di indagine - è stato sentito due volte dal pm di Potenza, Henry John Woodcock e nei verbali ha ripercorso misteri e storie italiane (come la morte di Ilaria Alpi, la strage di Ustica e la scomparsa di Emanuela Orlandi) e ha proposto scenari finora sconosciuti legati a presunte «operazioni fasulle» dei servizi segreti, la massoneria, le estrazioni di petrolio «in nero» in Basilicata, e altro ancora. Parlando di Ilaria Alpi ad esempio ha dichiarato «È vittima della sua superficialità al 100 per cento - dice Pizza - perchè quel giorno lei doveva trovarsi a bordo della nave Garibaldi. L'hanno ammazzata i somali. Le voci erano che avesse scoperto il passaggio strategico di materiale importantissimo, piccolo ed occultabile, cioè di uranio.
Pizza è stato anche consulente storico per la realizzazione di «Ustica una spina nel cuore» il film che doveva far luce sull'incidente e dice: « il Dc9 Itavia - racconta ,citando fonti arabe - l'hanno abbattuto gli italiani in una sera di guerra fra aerei libici, americani e italiani, con il Governo italiano che avvisa il leader libico, Gheddafi , in volo verso Belgrado, che gli americani vogliono abbatterlo. Per il caso di Emanuela Orlandi afferma: «Non c'è mai stata nessuna attività di indagine seria su questa cosa. È stata un'attività vergognosa. Cose che non interessano, quindi non se ne parla». Per quanto riguarda le “Operazioni fasulle dei servizi segreti“ Pizza le definisce «farlocche, gonfiate, se ne vanno un sacco di soldi che finiscono nelle tasche degli agenti. E vengono da fondi riservati, a cui si attinge senza controlli. Fausto Del Vecchio (arrestato dal gip di Potenza, Alberto Iannuzzi, nell'ambito dell'inchiesta), quando era nel Sisde, secondo Pizza, aveva «un tenore di vita sui 25-30 mila euro al mese».

Sullo stesso argomento

News in archivio

Henry John Woodcock
DALLE TANGENTI INAIL AL VIP GATE
I casi da terremoto del magistrato-mastino. Il trentanovenne sostituto procuratore di Potenza: «Non parlo mai delle mie inchieste»
su Il Tempo del 17/06/2006
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0