Da La Repubblica del 28/06/2006

Le brigatiste rosse, in primo grado, avevano avuto condanne maggiori. Il procuratore Marini: "Una diminuzione eccessiva"

Omicidio D'Antona, in appello pene ridotte per Banelli e Proietti

ROMA - Vent'anni di reclusione per Laura
Proietti, con la concessione delle attenuanti generiche per aver ripudiato la lotta armata, 12 anni di reclusione per Cinzia Banelli in virtù della collaborazione fornita agli inquirenti. E' la sentenza decisa dalla seconda corte d'assise d'appello di Roma nel processo per l'omicidio di Massimo D'Antona assassinato il 20 maggio 1999 a Roma.

In primo grado al termine del rito abbreviato Proietti era stata condannata all'ergastolo, Banelli a venti anni reclusione. Le due imputate rispondevano anche di partecipazione a banda armata, associazione eversiva e di alcune rapine di finanziamento compiute dalle Br tra il 1998 e il 2003.

Il procuratore generale Antonio Marini aveva chiesto 30 anni di reclusione per Laura Proietti in quanto "dissociata" e 16 per la Banelli, la prima collaborante delle nuove brigate rosse. Al termine del rito abbreviato, Laura Proietti fu condannata all' ergastolo, mentre Cinzia Banelli a 20 anni di reclusione. Oggi una nuova diminuzione di pena che Marini definisce "eccessiva". Per Marini la Banelli, che è stata presente all'udienza scortata da una decina di uomini delle forze dell'ordine, meritava per il suo 'pentimento' una pena minore ma, secondo il magistrato, la Corte si è dimostrata troppo clemente. Lo stesso discorso vale per Laura Proietti, che anzichè l'ergastolo si è vista infliggere la condanna a venti anni.

Anche per il difensore della famiglia D'Antona, Luca Petrucci, si deve parlare di "sentenza equilibrata", tuttavia il penalista non condivide l'entità della pena ora inflitta. Tra l'altro, Petrucci sottolinea che processi quali il dibattimento per l'omicidio D'Antona non devono formare oggetto di un giudizio abbreviato, perchè l'esame dell'imputato richiede un maggiore approfondimento.

Con la sentenza di oggi la Corte ha mandato assolto un terzo imputato, Stefano Benelli, accusato di favoreggiamento. In primo grado aveva avuto un anno e 4 mesi.

Sullo stesso argomento

News in archivio

La brigatista era già stata arrestata per reati di banda armata e associazione eversiva
Appello per l'omicidio D'Antona. Saraceni condannata a 21 an
La Corte d'Assise dispone per la donna anche la decadenza della potestà genitoriale
su La Repubblica del 04/04/2008
L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0