Da Corriere della Sera del 08/07/1999

L'uomo che non scendeva a compromessi

di Corrado Stajano

Dal 1991 in avanti sono state dedicate a Giorgio Ambrosoli strade, piazze, scuole, biblioteche in ogni regione italiana e si parla di lui a Mosca e a New York. Il suo nome non viene più taciuto o pronunciato con indifferenza come negli anni Ottanta, in un periodo tra i più foschi della storia nazionale, tra terrorismo e politica dell'impunità e della corruzione. Ma non sembra, ancora oggi, che i principi di legalità siano considerati il bene sommo, il presupposto del vivere civile e non sembra che la lotta contro la mafia che, con altre modalità rispetto al passato, seguita a infestare quattro regioni italiane e ha messo radici ovunque, susciti la tensione e la considerazione che ha avuto, per un breve periodo, dopo l'estate del 1992, l'anno della morte di Falcone e di Borsellino.

E non sembra, ancora, che in un clima senza fervori come il nostro, di normalizzazione e di omologazione, la piaga della corruzione, non certo rimarginata, abbia la dovuta attenzione e che i magistrati che se ne preoccupano siano agevolati nel loro difficile lavoro. Intralciati, piuttosto, presi di mira, soprattutto i più intelligenti e i più fattivi. La legalità non pare considerata un valore, troppo spesso un inciampo alla compromissione, invece. E la politica nata dopo la caduta del Muro di Berlino e dopo lo spappolamento della vecchia classe dirigente in seguito all'inchiesta dei procuratori di Milano, nel 1992, non ha preso a modello il comportamento esemplare dell'avvocato di Milano che avrebbe potuto rappresentare una nuova linea politica, l'alleanza della parte progressista del Paese con la borghesia pulita. Una corsa al centro priva di ragione e di intelligenza è stata ritenuta invece la formula vincente, con il risultato di allontanare dalla politica tanti uomini e donne della sinistra e di annullare le non poche energie positive che esistono.



Giorgio Ambrosoli era un moderato, figlio della tradizionale borghesia milanese, per idee, stile di vita e di costume. Il suo terzogenito, Umberto, che adesso è diventato avvocato - il bambino Betò che dietro la porta della camera da letto dei genitori origliava e sentiva le voci registrate con le terribili minacce di morte che il padre una notte fece ascoltare alla madre - ha riconosciuto anni fa che sono stati gli uomini della sinistra, non i conservatori, a promuovere azione di giustizia e di verità in nome del padre.

L'avvocato appartiene a tutti coloro che hanno a cuore i principi della legalità e del buon governo. Sarebbe stato facile, per lui, aver salva la vita: minuscoli cedimenti, qualche aggiustamento di rotta, abbozzare, seguire il verso del legno, qualche azione neppure visibile accompagnata da una piccola firma in calce a un foglio. All'esterno, tutto quanto avrebbe avuto l'apparenza di un atto dovuto. Solo che acconsentire agli aggiustamenti, alle mediazioni, al salvataggio della banca mandata in rovina da Sindona - più di cinquemila miliardi di lire di oggi - avrebbe significato violare la legge, far pagare il peso finanziario ai cittadini, i contribuenti italiani che Ambrosoli aveva il dovere di tutelare.

L'avvocato fece con intransigenza il proprio dovere. Con molta semplicità - al momento della morte non aveva ancora compiuto 46 anni e possedeva l'intelligenza per diventare un grande avvocato - disse ripetutamente di no agli ossessivi tentativi di salvataggio della banca promossi da uomini di governo in sintonia con i poteri criminali. Mentre la loggia massonica P2 faceva da regista nell'offensiva micidiale contro Ambrosoli, di continuo esterrefatto - risulta dalle sue agende - di fronte alla rivelazione delle illegalità, delle trame, delle connivenze, dei tradimenti che hanno per protagonisti uomini di alto ran go dello Stato, ministri, magistrati, banchieri. Avrebbero dovuto essere naturalmente dalla parte della legge, dalla sua parte, e invece si rivelavano nemici, alleati tra loro per vanificare la legge.

Ambrosoli dice di no a quei mondi inconciliabili, non guarda in faccia nessuno. Subirà ironie, anche dopo la morte, da parte dei cinici che lo trattano da ingenuo. È un uomo della coscienza civile, detesta i compromessi, detesta anche il primato della politica inteso come dominio degli apparati e delle oligarchie dei partiti. Per lui contano soprattutto le ragioni morali, la limpida dimensione dell'esistenza, l'onestà.

Sa benissimo quale nemico implacabile si trova di fronte: quel romanzesco "genio del male" che è l'avvocato Sindona di cui era riuscito a scoprire le trame incoffessabili e le ruberie avallate dal potere politico, ricostruendo nelle più infernali banche del mondo i loschi riciclaggi di denaro sporco.

La lettera che scrisse alla moglie Annalori nel 1975, neppure un anno dopo la nomina - sarà ritrovata nella sua agenda dopo la morte - è un'altra testimonianza di dirittura morale e di coraggio: "È indubbio che, in ogni caso, pagherò a molto caro prezzo l'incarico: lo sapevo prima di accettarlo e quindi non mi lamento affatto perché per me è stata un'occasione unica di far qualcosa per il Paese [...]. A quarant'anni di colpo ho fatto politica e in in nome dello Stato e non per un partito [...]. Qualunque cosa succeda, comunque tu sai che cosa devi fare e sono certo saprai fare benissimo. Dovrai allevare i ragazzi e crescerli nel rispetto di quei valori nei quali noi abbiamo creduto [...]. Abbiano coscienza dei loro doveri verso se stessi, verso la famiglia nel senso trascendente che io ho, verso il Paese, si chiami Italia o si chiami Europa".

Altri articoli in archivio


Vent'anni fa venne ucciso l'avvocato milanese
Giorgio Ambrosoli l'uomo che sfid˛ Sindona e la mafia
di Giorgio Bocca su La Repubblica del 26/08/2005
La massomafia: il caso Sindona
Il Maresciallo e l'eroe borghese
di Monica Zappelli su I siciliani nuovi del 01/04/1995

Documenti


12 luglio 1979
01. Il caso Ambrosoli
di Gherardo Colombo
Il caso Sindona
Di Daniele Biacchessi
"╚ indubbio che, in ogni caso, pagher˛ a molto caro prezzo l'incarico"
02. La lettera di Ambrosoli alla moglie

Libri consigliati


di Renzo Agasso edito da San Paolo Edizioni, 2005
di Corrado Stajano edito da Einaudi, 1991

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

In quanti lo ricorderanno tra gli uomini delle istituzioni?
1979-2004 : Un fiore per Giorgio Ambrosoli
La massomafia: il caso Sindona
Il Maresciallo e l'eroe borghese
di Monica Zappelli su I siciliani nuovi del 01/04/1995

News in archivio

CASO CALVI: MAGISTRATI CHIEDONO ACQUISIZIONE NUOVI ATTI DI INDAGINE
DAGLI INDUMENTI DEL BANCHIERE AI LIBRETTI DI VOLO DI DUE PILOTI, ECCO LE NUOVE PROVE
su Adnkronos del 23/11/2005
 
Cos'´┐Ż Archivio900?
´┐ŻIo so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt´┐Ż ´┐Ż una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)´┐Ż... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0