Da La Repubblica del 05/01/2003

Sequestro Sossi, l'ultimo mistero

di Franco Manzitti

GENOVA - Sossi e il suo carceriere faccia a faccia trent' anni esatti dopo il sequestro che nell' aprile 1974 aprì la fase più dura del terrorismo con la stella a cinque punte e dimostrò la portata della sfida delle Br nei cosidetti "anni di piombo". Trent' anni dopo, quando le Br esistono ancora, dopo essere state sconfitte alla fine di quella fase storica, assistere a un incontro "impossibile" fino a poco tempo fa, sarà sicuramente un' emozione forte e non solo un tuffo all' indietro nella preistoria terroristica, oggi che il terrorismo ha una portata così devastante e globale. Franceschini Alberto oggi, cinquantaquattrenne, un uomo completamente libero, impegnato nel "sociale" come si dice, scontate le pene, recuperata la fedina penale, avrebbe già potuto incontrare il suo ostaggio di trent' anni fa Sossi Mario, magistrato di Cassazione. Dopo un' intervista di sei anni fa a "Repubblica" lui, il capo Br, un ex comunista di Reggio Emilia, si era dimostrato disponibile, ricordando quegli anni, a "fronteggiare" Sossi. Era stato il magistrato, allora sostituto procuratore generale a Genova, a dire no all´incontro che il nostro giornale voleva organizzare con Franceschini e con un altro personaggio genovese, che aveva avuto in quel sequestro un ruolo chiave, ministro dell´Interno dell´epoca, Paolo Emilio Taviani, responsabile di quella prima linea della fermezza che aveva impedito lo scambio di Sossi con i prigionieri politici della banda XXII Ottobre, anch´essi genovesi. "No, con Franceschini non mi voglio incontrare" - ci aveva risposto Sossi, ricordando le cause civili da lui intentate alla colonna terroristica per ottenere un risarcimento danni. E le sue parole per Franceschini, per il capo della colonna Curcio, fondatore storico delle Br e per gli altri carcerieri, erano state dure come se il tempo, gli avvenimenti non fossero neppure trascorsi nella misura dei lustri, come se non ci fosse stata una abissale distanza tra quei brigatisti della prima ora e il seguito sanguinoso del terrorismo con la stella a cinque punte. Quello che proprio a Genova aveva incominciato a uccidere, giustiziando il procuratore generale Francesco Coco, "colpevole" con Taviani di dire no al famoso scambio di prigionieri. Quando Coco fu ucciso con la sua scorta in salita Santa Brigida, l' 8 giugno del 1976, ore 13,30, Franceschini era già stato catturato dai carabinieri. La sua carriera clandestina era finita: lo aspettavano quasi venti anni di carcere. In questa storia, che oggi vive nella trasmissione " Partita a tre", di Gianni Minoli, su Rai 2, alle 22,30, un intenso Amarcord, Genova c' entra molto, non solo perché fu lo scenario del sequestro e perché i protagonisti erano in parte attori genovesi, il magistrato Sossi, vittima, il Pg Coco e il ministro Taviani. Genova fu il laboratorio di un' impresa di terrorismo con la quale la famosa "geometrica potenza" delle Br incominciò a dispiegarsi. Con quell' attacco al cuore dello Stato incominciò per la città un decennio che avrebbe messo a dura prova le sue forze e che estrasse dalle sue pieghe un' energia, oggi probabilmente scomparsa. Alludiamo a una tenuta istituzionale e democratica nella quale i geni politici genovesi, tra grandi fabbriche e porto, spesso la nicchia segreta e protettiva di quel mistero chiamato Br, un Pci granitico, ma con un inquietante album di famiglia, le tradizioni partigiane di Taviani, la spina dorsale cattolica e industriale, erano vivaci e reattivi. Avrebbero sopportato omicidi, esecuzioni, gambizzazioni fino al supremo sacrificio dell' operaio Italsider Guido Rossa, quei geni politici e avrebbero creato gli anticorpi che poi, in via Fracchia, produssero l´atto iniziale della sconfitta delle Br "storiche". Cosa potranno dirsi trent´anni dopo, Sossi e Franceschini? A noi di Repubblica il capo fondatore delle Br raccontò la storia "interna" di quella clamorosa operazione così abilmente descritta nel libro di Pier Vittorio Buffa e Franco Giustolisi, "Mara, Renato e io", vero best seller dell´epopea brigatista. "Allora colpire Sossi voleva dire colpire un giudice della controrivoluzione, del progetto delle Destre di arrivare al golpe bianco - spiegò Franceschini. _ Prendevi lui e mettevi in crisi la magistratura, la polizia, il governo, i partiti." " Mi sentivo un po' un Robin Hood - ha raccontato l' ex carceriere, rievocando la sua giovane età di allora, 26 anni nei giorni del sequestro, i meticolosi preparativi, un anno a Genova a fare pedinamenti, ispezioni, ricostruzioni, lui e la sua donna di allora, la "mitica" Mara Cagol, poi uccisa dai carabinieri in un tragico conflitto a fuoco alla cascina Spiotta. A Franceschini brillavano pure gli occhi ricordando il suo amore per la compagna e quei mesi genovesi "giorni e giorni a consultare insieme la raccolta dei giornali genovesi, "Il Secolo XIX" e "Il Lavoro", per ricostruire i processi dei quali il "dottor Manette", così veniva soprannominato Sossi, era stato protagonista". Chissà come rievocheranno insieme, davanti a Minoli, Sossi e Franceschini, gli agitati momenti del sequestro, quando per errore i brigatisti si spararono addosso tra di loro, con il giudice chiuso in un sacco. "Avremmo dovuto uccidere l' ostaggio e scappare" - aveva confessato Franceschini, ricostruendo quella sequenza drammatica. Come si parleranno i due? Con rispetto, con punte di ironia, di polemica? Sossi non ha sicuramente perdonato. Franceschini ha misurato per intero le conseguenze di quelle imprese "alla Robin Hood", poi diventate l' introduzione a crimini terribili. Il terzo protagonista di quei giorni difficili, il ministro Taviani è scomparso da oltre due anni. La sua testimonianza, soprattutto sulle circostanze del rilascio di Sossi, sarebbe stata utile. Nessuno ha mai ben spiegato come Sossi fu liberato, imbarcato su quel treno a Milano con il Ministero dell´Interno informato prima. Nessuno ha mai spiegato bene il ruolo di uno dei carcerieri non in confidenza con gli altri, che lo stesso Franceschini ha denunciato, confessando il sospetto postumo che poi anche quella impresa fosse stata in qualche modo etero diretta dai servizi segreti, da forze esterne al nucleo delle Br. Genova ha dimenticato tutto. La pagina che rileggeremo questa sera sembrerà un pezzo di storia anche se l' ombra delle Br è tornata in qualche modo ad aleggiare su un Paese così diverso da quell' Italia anni Settanta. Non per fortuna su una Genova che è ancora più distante dalla città che si fermò una sera di primavera, davanti allo choc del sequestro Sossi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il brigatista del nucleo storico detenuto dal 27 maggio 1974. Nessuno va a visitarlo, non mai uscito dal carcere
Ferrari, l'ultimo degli irriducibili 30 anni in cella senza permessi
Condannato per il sequestro Sossi, non per fatti di sangue
di AA.VV. su La Repubblica del 23/02/2004
Sossi parla di Br "Anche per Moro si doveva trattare" Il magistrato sequestrato nel '74
Sossi, 30 anni dopo
di Elisabetta Vassallo su Il Secolo XIX del 05/01/2003
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2024
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0