Mario Sossi

Magistrato − Italia

Nato a Imperia, ha svolto una serie di inchieste negli ambienti della sinistra. Nel 1973 è stato pubblico ministero del processo contro il gruppo XXII Ottobre guidato da Mario Rossi. La banda, legata ai GAP di Feltrinelli, era accusata del sequestro di Sergio Gadolla a fini di estorsione e dell'uccisione del commesso Alessandro Floris, nel corso di una rapina. Il processo si è concluso in appello con la condanna all'ergastolo per Rossi e oltre 180 anni agli altri sette imputati. La sentenza è stata accolta al grido di "Sossi fascista, sei il primo della lista".
Fu rapito dalle BR la sera del 18 aprile 1974.
A condurli è Franceschini, con la collaborazione di Pietro Bertolazzi, definito da Sossi " un gregario rozzo e limitato, molto differente da Franceschini,più colto". Nel frattempo le indagini sull'identificazione dei terroristi segnano il passo. Il capo della polizia, Zanda Loy, ammette di non aver nessun indizio né sugli autori né sul luogo dove è rinchiuso il giudice. Nella prigione del popolo inizia un processo sommario a Sossi. Gli si imputa il suo ruolo nel processo celebrato a carico di Mario Rossi, il suo ruolo di servitore dello stato, l'essere parte " del cuore stesso dello stato". Il giudice chiede ripetutamente di poter comunicare con la moglie e con le due figlie, mentre intorno al rifugio si sentono i rumori prodotti
da un elicottero, impiegato nelle operazioni di ricerca. Ricorda Franceschini:"Prima del sequestro avevamo discusso con i compagni delle "forze regolari", un programma di massima che prevedeva la richiesta di scambio tra Sossi e i compagni della XXII ottobre e la eliminazione fisica del prigioniero se l'obiettivo non fosse stato raggiunto. Il presupposto di questa nostra linea era la certezza che uno come Sossi, che avevamo visto spietato nelle sue vesti di pubblico ministero non avrebbe mai collaborato. Quando chiese di scrivere quel messaggio capii invece che non era un duro e che il sequestro stava prendendo una strada diversa da quella che avevamo previsto. Mara, il Nero e io decidemmo di accogliere la sua richiesta, di fargli scrivere il biglietto. Ma prima di recapitarlo ritenemmo giusto discuterne almeno con Renato e Mario, perché decidere di consegnare quel messaggio significava mutare radicalmente la gestione dell'azione. Toccò a Mara andare alla cascina Spiotta una nostra base dove era stato stabilito che Mario e Renato sarebbero restati durante tutta la durata del sequestro, perché potessero essere facilmente rintracciati in caso ci fossero stati problemi urgenti da discutere". Si riunisce la direzione strategica delle Brigate Rosse, che deve deliberare sulla contropartita da chiedere allo stato per la liberazione del giudice,oltre che per esaminare la sua richiesta. L'intesa è raggiunta sulla richiesta di liberazione di Mario Rossi e del gruppo XXII ottobre. L'alternativa ad una risposta negativa da parte dello stato è l'eliminazione fisica dell'ostaggio. Ma si verifica una spaccatura all'interno delle BR sul messaggio che Sossi vorrebbe inoltrare all'esterno:Franceschini è d'accordo, Curcio e Moretti no.
Nella tempestosa seduta notturna, Franceschini di fatto esautora tutti e decide di portare avanti il sequestro a modo suo. A Mario Moretti e a Renato Curcio non resta altro da fare che accettare il fatto compiuto. Da questo momento a dirigere il sequestro ci saranno Franceschini,la Cagol e Bertolazzi. L'interrogatorio di Sossi continua, anche se il magistrato terrà a dire, nelle sue memorie, che in pratica fù più una constatazione di fatti avvenuti che una vera e propria acquisizione di notizie. Nella prigione la vita è dura: alla costrizione fisica e psicologica si aggiunge l'impossibilità, da parte di Sossi, di far sapere all'esterno notizie certe sul suo stato di salute. Sossi teme anche per la propria vita: sa delle intenzioni dei suoi sequestratori, teme la risposta dello stato. Le Brigate Rosse trasmettono il loro ultimatum:libertà per Rossi e la XXII ottobre o Sossi verrà giustiziato.
Nel frattempo scoppia una rivolta nel carcere di Alessandria, a pochi chilometri dalla prigione,sedata dal generale Carlo Alberto Dalla Chiesa nel sangue.Muoiono sette tra detenuti e ostaggi. Ad agire sono stati i gruppi speciali di recente costituzione. Sembra una prova generale per un intervento armato contro la prigione dove è rinchiuso il giudice.
Sossi viene informato e ricorda:" I miei carcerieri si preoccuparono di informarmi immediatamente dello spiegamento di forze conseguente al mio sequestro, ma a queste informazioni, che certamente non ero in grado di controllare, in un primo tempo, salvo poi poterle verificare attraverso ritagli di giornale che saltuariamente mi venivano forniti, si aggiungevano considerazioni e battute di Franceschini, soprattutto, ma anche di Bertolazzi, come: "Ma qui facçiamo la fine dei topi", " Cercano il morto", " C'è la volontà di fare un'irruzione e poi di uccidere te e noi". Franceschini e Curcio cercano intanto un posto dove far giungere i prigionieri dopo la liberazione: ma Cuba prima,Algeria e Corea poi,negano l'asilo. La corte d'appello di Genova decide il rilascio dei prigionieri:sembra che la strategia delle BR funzioni. Ma il Procuratore generale della Repubblica Francesco Coco,tra l'altro amico personale di Sossi si oppone fermamente, impugna la sentenza e blocca tutto. In poche ore il quadro è cambiato del tutto e le BR sono davanti ad un bivio: o uccidono il prigioniero oppure lo liberano senza un'apprezzabile contropartita.Racconta Franceschini:" Poteva essere l'inizio della fine ma non stemmo al gioco: cercammo di sfruttare al massimo i punti che avevamo segnato a nostro favore liberando ugualmente Sossi, malgrado avessimo minacciato in modo esplicito la sua uccisione se non fossero stati liberati i nostri compagni. Avevamo parlato tra noi della sua eventuale morte, ma senza mai fare un piano preciso, decidere chi e come doveva farlo. La decisione che sarei stato io a sparargli addosso era stata soltanto mia e quando l'avevo comunicata al prigioniero forse l'avevo fatto più per darmi forza che altro. Anche se portavamo sempre la pistola in tasca e avevamo già fatto molte azioni armate non avevamo mai discusso di un'uccisione a freddo, dell'assassinio di un ostaggio. Prima di avere Sossi con noi dicevamo che, se le cose non fossero andate nel modo giusto, lo avremmo "giustiziato". Ma usavamo questa parola come fosse scritta su un libro, in modo impersonale, riferendo di un atto formale come è, ai fini della storia, una fucilazione. Vivendo con lui, provvedendo ai suoi bisogni elementari, vedendolo piangere, non ci commuovevamo certo, ma la frase "lo giustiziamo" sparì dai nostri discorsi". Franceschini, in accordo con la Cagol e Bertolazzi, decide di liberarlo, perché così facendo avrebbero "messo in difficoltà lo stato,esasperandone le contraddizioni". La notizia viene comunicata a Sossi, che viene sbarbato e rifocillato. Gli vengono forniti documenti falsi, applicati due cerotti sugli occhi, per impedirgli di vedere il percorso e caricato in auto. Dopo un lungo giro viene lasciato su una panchina di un parco. Franceschini congeda il giudice con una frase ironica:"vai Mario,metti giudizio,adesso". Il giudice, appena libero, non chiama la polizia, ma si reca in taxi alla stazione. In treno si fa riconoscere da un viaggiatore. Il perché lo racconta lui a Sergio Zavoli,durante la trasmissione La notte della Repubblica: " Mi rendevo conto,vista la mia decisione di non fermarmi a Milano, che a meno di non venire riconosciuto da qualcuno, ma non era facile riconoscermi con il berretto, gli occhiali scuri, la barba incolta e così via, difficilmente sarei stato creduto e avrei conservato la freddezza di non chiedere soccorso, di non rivelare la mia identità, di non consegnarmi anche al primo viandante, per dire: ecco, sono qua, avvisate mia moglie, avvisate i miei figli, sono stato liberato".Il sequestro si chiude felicemente con il ritorno del giudice a casa. Sossi dopo la liberazione ebbe un incontro con l'amico Francesco Coco,nel corso del quale vennero chiariti gli equivoci che si erano creati durante la detenzione. Il procuratore capo spiegò al giudice Sossi le ragioni della sua ferma opposizione alla liberazione della XXII ottobre. Franceschini verrà arrestato poco dopo,insieme a Renato Curcio;Margherita Cagol cadrà durante un conflitto a fuoco in seguito ad un'operazione dei carabinieri volta alla liberazione dell'industriale Gancia,sequestrato dalle Br ; Francesco Coco verrà assassinato dalle Brigate Rosse in un agguato con il suo autista.

Dicono di lui

"Lo prendemmo la sera del 18 aprile 1974, verso le otto. Lui non oppose resistenza e i compagni lo caricarono senza troppa fatica dal portellone posteriore. L'unico contrattempo fu la portinaia. Cercò di intervenire correndo in mezzo alla strada davanti al furgone, ma un compagno l'afferrò per un braccio e la fece rientrare con calma in casa, dicendole di stare tranquilla, non sarebbe successo niente di grave. Sossi, appena fu sul furgone, domandò chi eravamo, cosa volevamo, gli fu risposto: "Siamo le Brigate rosse". Non chiese più nulla, la nostra dichiarazione di identità lo aveva spaventato." Chi parla è Alberto Franceschini, ideologo e leader delle Brigate Rosse, all'epoca dei fatti ventisettenne.
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2014
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0