Da La Repubblica del 27/11/2006

Pecoraro Scanio: 'Falsi dossier per attaccare i partiti'

Caso Scaramella, le reazioni politiche in Italia

L' Unione chiede al governo di riferire in parlamento sull' omicidio dell' ex spia russa avvelenata a Londra - Presto saranno in Italia agenti di Scotland Yard per interrogare Scaramella e il fratello

ROMA - «C' è stato, nella precedente legislatura, un tentativo di attaccare forze dell' opposizione con falsi dossier», ipotizza il ministro dell' Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio. «L' ex presidente della commissione Mitrokhin Paolo Guzzanti, ora dovrà spiegare parecchie cose», rincara Pino Sgobio del Pdci. Dopo la pubblicazione su Repubblica delle interviste agli ex agenti del Kgb Euvgenji Limarev e Aleksandr Litvinenko, il centrosinistra parte all' attacco contro il senatore di Forza Italia e chiede al governo di chiarire una vicenda «dai contorni torbidi», in cui si sono intrecciati il lavoro di una commissione parlamentare e oscure trame di servizi segreti stranieri. «Sono esterrefatto», dice il presidente dei Verdi, partito che, secondo il racconto di Litvinenko, è stato oggetto di più di un' attenzione da parte di Mario Scaramella, ex consulente della commissione Mitrokhin. «C' è stato un tentativo di inventare falsi e sporchi dossier per attaccare forze del centrosinistra usando denaro pubblico - spiega Pecoraro Scanio - bisogna porre rimedio al degrado di questo spionaggio illegale a cui ci ha abituato il centrodestra». Scaramella, napoletano come il ministro dell' Ambiente, era ben noto al presidente dei Verdi, che ora ne parla come di «un personaggio giudicato inaffidabile da più di una persona». Il gruppo parlamentare dei Verdi alla Camera presenterà un' interrogazione al ministro degli Interni Amato, «affinchè venga fatta piena luce sul perché Scaramella fosse ossessionato dall' acquisizione di informazioni, da parte dell' ex spia del Kgb Litvinenko, sui Verdi e sul presidente nazionale». «Non vorrei - si domanda il capogruppo Angelo Bonelli - che fossimo di fronte ad un oscuro disegno, che passava per la commissione Mitrokhin, di intorbidire la normale attività dei partiti». «Ce ne è abbastanza - sottolineano Bruno Mellano della Rosa nel pugno e Igor Boni del comitato nazionale Radicali - perché il governo riferisca nel più breve tempo possibile in parlamento sulla vicenda. Magari facendo ammenda per non aver partecipato ai funerali della giornalista Politkovskaja». L' ex spia cita nell' intervista anche il segretario dei comunisti italiani Diliberto e l' europarlamentare del partito, Marco Rizzo, chiede che «venga chiarita la torbida vicenda che ruota attorno alla Mitrokhin e il ruolo dei suoi consulenti». «Dalle rivelazioni di Repubblica - spiega Sgobio del Pdci - emerge un quadro di manovre torbide della commissione. C' è da domandarsi - aggiunge - se quelle strutture segrete siano ancora operative e intrecciate con altre centrali spionistiche scoperte di recente». Gaffe della senatrice Manuela Palermi, sempre dei comunisti italiani, che chiede a Guzzanti di dimettersi dalla presidenza dalla commissione Mitrokhin che non esiste più. Intanto, detective di Scotland Yard voleranno presto a Roma per sentire persone che possano avere informazioni sulla morte di Aleksandr Litvinenko e che lo videro prima che egli finisse in ospedale. Lo scrive il Sunday Telegraph, per il quale fonti della sicurezza britannica ritengono che agenti russi - forse una sezione "deviata" - possano essere dietro l' avvelenamento radioattivo dell' ex agente Kgb. L' antiterrorismo britannico vuole parlare con Mario Scaramella, l' ex consulente della commissione Mitrokhin che pranzò con Litvinenko al sushi bar dove l' ex spia fu avvelenata con il «polonio 210». Scotland Yard, probabilmente, interrogherà anche il fratello 24enne dell' ex 007 ucciso, Maxim Litvinenko che da anni vive in Italia dove studia da manager.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Londra espelle 4 diplomatici russi. Guerra di spie tra il Volga e il Tamigi
Tutto nasce come rappresaglia contro Mosca che ha negato l'estradizione di Lugovoi, accusato dalla Gran Bretagna di essere l'omicida di Litvinenko
di AA.VV. su La Repubblica del 16/07/2007
Nel computer dell'ex consulente della Mitrokhin 19 pagine sul premier. Poi i pm di Milano Spataro e Salvini, il direttore del Cesis e i giornalisti di Repubblica
Il falso dossier di Scaramella "Così la Russia manipola Prodi"
I pm hanno chiesto di utilizzare le registrazioni telefoniche tra Scaramella e il presidente della Mitrokhin
Scaramella e la trappola della Mitrokhin
"Guzzanti parte lesa". Ma nelle carte spunta un´altra ipotesi
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 27/12/2006

News in archivio

Identificato l’avvelenatore di Litvinenko
Scotland Yard scopre il «quarto uomo» che incontrò l’ex spia russa e lo uccise con una dose letale di polonio
su Il Tempo del 21/01/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0