Da La Repubblica del 02/06/2006

Daria Bonfietti: si riapre politicamente un mistero d´Italia. I sostenitori dell´Arma azzurra: un atto dovuto

Ustica, lo Stato va in Cassazione

Ricorso sulla sentenza che assolse i generali dell´Aeronautica

Il ricorso Conferito da Prodi all´Avvocatura l´incarico di presentare il ricorso. Il governo: fiducia nei militari, ma serve una corretta interpretazione delle nuove norme

di Giovanni Maria Bellu

ROMA - Il governo ha deciso di ricorrere contro l´assoluzione dei generali del "caso Ustica" dall´accusa di attentato a organi costituzionali e alto tradimento. Nell´annunciarlo, la presidenza del Consiglio dei ministri ribadisce "la piena fiducia nell´operato dell´Aeronautica militare" e, contemporaneamente, sottolinea la necessità di arrivare alla "corretta interpretazione" delle modifiche a una serie di norme penali sui reati di opinione introdotte all´inizio dell´anno dal governo Berlusconi.
Parrebbe un atto dovuto - come hanno subito sottolineato i sostenitori dell´estraneità dell´Aeronautica militare - in realtà è la riapertura politica del più celebre tra i cosiddetti misteri d´Italia. E´ questo il parere di Daria Bonfietti, presidente dell´associazione dei parenti delle 81 vittime: definisce "vergognosa" la sentenza dello scorso 15 dicembre (pubblicata il 6 aprile) e, ancor di più, il fatto che poco dopo il governo Berlusconi abbia modificato il reato di attentato contro organi costituzionali in modo tale da renderlo di fatto inapplicabile alla tragedia del Dc9.
Un problema avvertito anche dalla pubblica accusa. Un mese fa, nel suo ricorso contro la sentenza di assoluzione, la procura generale di Roma ha chiesto la modifica della formula adottata: non più "perché il fatto non sussiste" ma "perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato". Richiesta che ha, compatibilmente col linguaggio criptico degli atti giudiziari, un certo sapore polemico.
A ricorrere per Cassazione sarà naturalmente l´avvocatura dello Stato, alla quale ieri il governo Prodi ha conferito l´incarico. I sostenitori della tesi dell´atto dovuto - in particolare il generale dell´Aeronautica Enrico Pinto, coordinatore del "Comitato studi per Ustica" - fanno notare che l´avvocatura dello Stato è stata presente in tutti i gradi di giudizio e che dunque "c´era da aspettarsi che avrebbe anche ricorso in Cassazione". Non era affatto scontato, però, che il governo annunciasse la decisione con una nota ufficiale e che, dopo aver naturalmente chiarito che questo va anche "a garanzia degli stessi interessati", sottolineasse la necessità di una "corretta interpretazione" delle nuove norme introdotte dal governo Berlusconi.
I due generali (Lamberto Bartolucci, ex capo di Stato maggiore dell´Aeronautica, e il suo vice Franco Ferri) erano accusati di aver dato alle autorità politiche informazioni depistanti sulle cause della strage, in particolare riguardo la presenza nel cielo di Ustica di altri aerei. In parole povere, di aver nascosto lo scenario di guerra all´interno del quale avvenne la tragedia. Nel processo di primo grado furono ritenuti responsabili di questi comportamenti e, infatti, non furono assolti ma beneficiarono della prescrizione del reato. Quella sentenza fu interpretata come una condanna. E come tale fu vissuta dall´Aeronautica.
Si può comprendere dunque la soddisfazione con cui i generali salutarono l´assoluzione in appello. Assoluzione, un mese dopo, blindata dalla modifica della norma. Adesso, perché il reato di attentato si consumi, non basta impedire (anche attraverso una omessa informazione) a un organo costituzionale di esercitare il proprio mandato. Ma bisogna farlo "con violenza". Ed è molto difficile individuare, nelle bugie dei generali sul caso Ustica, comportamenti di tipo violento, almeno nel senso che comunemente viene attribuito al termine. Questo è il rebus che il nuovo governo chiede alla Cassazione di risolvere.

Altri articoli in archivio


Erano accusati di alto tradimento per i presunti depistaggi. La corte d'Assise di appello di Roma: "Il fatto non sussiste"
Strage di Ustica, assolti in appello i generali Bartolucci e Ferri
Nel disastro morirono le 81 persone a bordo del Dc9 Itavia. I familiari delle vittime: "Nessun responsabile. E' un'indecenza"
di AA.VV. su La Repubblica del 15/12/2005

Documenti


27 giugno 1980
Ustica, cronologia di una strage
Fonte: Almanacco dei misteri d'Italia
27 giugno 1980
Elenco completo delle 81 vittime della strage di Ustica
I passeggeri e personale di bordo del volo dell'Itavia numero 870
27 giugno 1980
2. Il caso Ustica
Dalla relazione della Commissione Parlamentare sul Terrorismo.

Download


è necessario essere utenti registrati
è necessario essere utenti registrati
Guglielmo Sinigaglia è stato testimone della strage.
è necessario essere utenti registrati

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

II relitto del DC9 pazientemente ricostruito. Gli effetti personali delle 81 vittime del volo Itavia. Curato da Christian Boltanski, nasce a Bologna il Museo di Ustica.
La galleria di fantasmi che chiedono giustizia per la strage impunita
Per evitare che, di questo e altri misteri italiani, restino solo schegge
La Cassazione assolve i generali. Il capo dell'Aeronautica: «Cancellate le ombre». Il legale dei familiari: «Siamo indignati»
Ustica, nessun colpevole. E nessun risarcimento
L'ira dei parenti delle vittime. Il governo: benefici già previsti nella Finanziaria
di Dino Martirano su Corriere della Sera del 11/01/2007

News in archivio

Sentenza del tribunale civile di Palermo, a cui, nel 1990, si erano rivolti i parenti di quattro persone morte il 27 giugno '80. Un verdetto diverso da quello, definitivo, del processo penale
Ustica, giudice ordina risarcimento per quattro vittime della strage
su La Repubblica del 30/05/2007
Sostituire la formula "il fatto non sussiste" con quella "perchè il fatto contestato non è più previsto dalla legge come reato" aprirebbe la strada ai risarcimenti delle vittime
Strage di Ustica, il Pg della Cassazione "Si cambino motivazioni dell'assoluzione"
su La Repubblica del 10/01/2007
Lungo viaggio da Pratica di Mare al capoluogo felsineo. ll velivolo sarà ricostruito nel museo della memoria
Bologna, arrivato il relitto del Dc-9 di Ustica
su La Repubblica del 25/06/2006

In biblioteca

di Ray Cipson, Mark Demon
Lo Vecchio, 2008
di Ray Cipson, Mark Demon
Lo Vecchio, 2008
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0