Da Narcomafie del 01/06/2002

La tragedia del Vajont - 2

Era tutto previsto

di Lucia Vastano

Della pericolosità della diga si era discusso fin dalla fase progettuale. Ma la Società Adriatica di Elettricità (SADE) quella diga, la più alta d'Europa, la voleva a tutti i costi.
Nel 1949 il comune di Erto Casso vende alla SADE i terreni della zona interessata e "per errore catastale" anche alcuni di proprietà privata che avrebbero impedito la realizzazione del progetto. Nel 1957 la Sade (senza autorizzazione) comincia i lavori di scavo, modificando il progetto presentato ai Lavori Pubblici (l'altezza della diga viene portata da 206 a 266 metri). Pochi mesi dopo l'inizio dei lavori, la giornalista dell'«Unità» Tina Merlin comincia la sua inchiesta, denuncia i rischi di smottamenti e frane e diffonde il risultato del rapporto del geologo austriaco Leopold Mueller (assunto dalla Sade come consulente, ma mai ascoltato): la roccia del monte Toc è tutta una crepa, friabile e sensibile a qualsiasi intervento. Un altro rapporto di altri due geologi, Francesco Giudici ed Edoardo Semenza (figlio di Carlo, l'ingegnere progettista della diga), parla di una frana di duecento milioni di metri cubi di roccia pronta a staccarsi dal Toc sotto la pressione dell'acqua di un bacino artificiale. Ma la costruzione della diga va avanti lo stesso e anche il lago artificiale continua a crescere.
Il 4 novembre 1960 la prima imponente frana. Dal monte Toc si staccano 700 mila metri quadrati di roccia e il versante del monte si squarcia formando una M (proprio lungo quella linea che era stata prevista da Mueller si staccherà poi la frana più devastante del 1963).

Nel corso degli anni aumentano smottamenti, terremoti e frane. Ci sono anche dei morti. La gente di Erto e Casso la notte sente boati provenire dal sottosuolo. Alcuni scappano. Ma da parte della SADE si continua a tacere e a negare tutto. La Merlin continua le sue inchieste (è inquietante la precisione con cui descrive quello che poi puntualmente accadrà) e viene denunciata, ma nel processo che si tiene a Milano nel 1960 viene assolta perchè nell'articolo incriminato «nulla vi è di falso, di esagerato o di tendenzioso». La legge riconosce dunque la pericolosità della diga, ma neanche in questo caso i lavori vengono bloccati.

La Sade pensa di costruire una strada per consentire la fuga nel caso di quella frana di cui però continua a negare la possibilità. Ma il Toc slitta verso il lago a una media di oltre due centimetri al giorno. Chi vive sulle sponde del lago ha ormai l'acqua in casa, sulle strade si allargano le crepe. Il 14 marzo 1963 la neonata Ente nazionale elettricità (Enel), per decreto del Presidente della Repubblica acquisisce, pagandola profumatamente, la Sade. La diga, costruita con soldi pubblici e poi ricomprata con soldi pubblici, è nazionalizzata (come poi con soldi pubblici si pagheranno i risarcimenti alle vittime). Nel pomeriggio del 9 ottobre un operaio che lavora sulle pendici del monte Toc vede gli alberi piegarsi e le radici sradicarsi. Lancia un allarme ma neanche questa volta c'è qualcuno disposto ad ascoltare. Persino la strada per il Toc diviene inagibile e la Sade-Enel è costretta a chiuderla. Alle ore 22 vi è una comunicazione tra i dirigenti dell'azienda statale: la montagna ha cominciato a cedere. Ma la paura di ammettere quello che sta per accadere impedisce ancora una volta di dare l'allarme e salvare buona parte delle 1917 vittime. La strage si compie.

Il processo per stabilire le responsabilità viene tenuto per "legittima suspicione" all'Aquila, dove è molto difficile per i testimoni partecipare. Si conclude nel 1971 in cassazione con due sentenze di colpevolezza «per inondazione, aggravata dalla previsione dell'evento, compresa la frana e gli omicidi» per Alberico Biadene (5 anni di cui tre condonati), vice direttore generale del ramo tecnico della Sade, e per Francesco Sensidoni (3 anni e otto mesi, di cui tre condonati), ingegnere capo del servizio dighe della commissione di collaudo nominata dal Ministero dei Lavori Pubblici.
Dopo altre due settimane, i crimini sarebbero caduti in prescrizione.

Altri articoli in archivio


La tragedia del Vajont - 4
Le donazioni: confusione e misteri
di Lucia Vastano su Narcomafie del 01/06/2006
La tragedia del Vajont - 5
La memoria offesa
di Lucia Vastano su Narcomafie del 01/06/2002
La tragedia del Vajont - 3
FATTA la legge, trovato l'AFFARE
di Lucia Vastano su Narcomafie del 01/06/2002
di Lucia Vastano su Narcomafie del 01/06/2002

Documenti


9 ottobre 1963, ore 22.39
La tragedia del Vajont

Libri consigliati


di Marco Corrias edito da Mondadori, 2006

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La tragedia del Vajont - 4
Le donazioni: confusione e misteri
di Lucia Vastano su Narcomafie del 01/06/2006
La tragedia del Vajont
La diga è ancora lì. Come il dolore
di Lucia Vastano su Narcomafie del 01/06/2002
La tragedia del Vajont - 3
FATTA la legge, trovato l'AFFARE
di Lucia Vastano su Narcomafie del 01/06/2002

In biblioteca

di AA.VV.
RCS Quotidiani, 2009
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0